mercoledì , 19 settembre 2018
Home / Video / Reportage / Mostre / Mangasia al Palaexpo

Mangasia al Palaexpo

Ultime settimane a Palazzo delle Esposizioni per visitare la mostra “Mangasia: Wonderlands of Asian Comics” con la più ampia selezione di opere originali del fumetto asiatico, esposte accanto alle loro controparti commerciali, stampate per il mercato di massa.

Du Gu, Zao Dao,2014, character design for “Le Vent traversant les pins”. Published by Editions Mosquito, 2015

Buona parte di esse non è mai stata mostrata fuori dal proprio paese d’origine. La mostra si concentra inoltre sul processo creativo che porta alla realizzazione delle storie, partendo dalle sceneggiature e passando per schizzi e layout, fino alle pagine complete.

Ci sono gli shoju (fumetti per ragazze), gli shonen (per ragazzi), naturalmente gli erotici hentai, ma soprattutto centinaia di tavole originali con le loro sbavature, i chiaroscuri, le campiture piene a china nera e i retini, che più di tutti caratterizzano l’aspetto grafico di un manga. Proprio loro, i vecchi retini: obsoleti nell’odierno graphic design, sono invece strumento irrinunciabile del ad.

viva! volleyball JAPAN ® ide chikae

La narrazione di una storia per immagini, in Giappone e in tutta l’Asia è molto antica: il termine manga – che letteralmente significa “immagini derisorie” – compare per la prima volta nel 1798, nelle scritture del pittore di ukiyo-e Santo Kyoden.

Dal passato si arriva al presente, in una carrellata che va dai mostri sacri come Osamu Tezuka (noto anche come “il dio dei manga”, padre di “Astro Boy”, “La principessa Zaffiro”, “Kimba il leone bianco”), Go Nagai (l’uomo dei robot anni ’70 e ’80 come Jeeg), Akira Toryama (“Dragon Ball”), Rumiko Takahashi (Lamù, Ranma ½) fino alle Clamp, primo collettivo femminile di fumettiste giapponesi, Eiichiro “One Piece” Oda.

Leiji Family © Leiji Matsumoto

Ma la mostra è molto di più. Nelle sue diverse sezioni è un viaggio nell’antropologia di un fenomeno culturale che, abbracciando tutte le età con un’offerta incredibilmente variegata, ha avuto la capacità di affrontare temi sociali e questioni di genere, vincendo (a volte) la battaglia contro la censura. “Noo Hin, noto personaggio manga tailandese, nelle sue storie denuncia lo sfruttamento dei lavoratori nelle fabbriche tessili”, spiega il curatore Paul Gravett. “Il fumetto, che noi occidentali declassiamo a prodotto per bambini, in oriente è il più forte dei media. È il potere della carta”.

Garudayana © Is Yuniarto

Curata da Paul Gravett e un team di oltre venti esperti, “Mangasia: Wonderlands of Asian Comics” esplora l’intero reame di questo nuovo continente del fumetto asiatico, attraverso opere provenienti da Giappone, Corea del Nord, Corea del Sud, India, Cina, Taiwan, Hong Kong, Indonesia, Malesia, Filippine e Singapore, nonché dalle scene emergenti come quelle di Buthan, Cambogia, Timor Est, Mongolia e Vietnam. Percorsi tematici mettono a confronto la varietà di folklore, storia e sperimentazione di tutta la regione. La mostra da spazio ai precursori dei fumetti riconducibili alla tradizione asiatica delle arti visive “narrative” e al loro impatto che supera i confini della carta stampata per vivere sotto forma di prodotti animati e live-action per cinema e televisione, musica, video game, moda e arte contemporanea.

Mangasia: Wonderlands of Asian Comics | L’allestimento della mostra

Paul Gravett è uno scrittore, specialista, editore e curatore TV che lavora nell’industria del fumetto dal 1981. È autore di molti libri sul tema. Ha anche coordinato numerose mostre sull’arte del fumetto, è co-direttore di COMICA, the London International Comics Festival.

MANGASIA: WONDERLANDS OF ASIAN COMICS

7 ottobre 2017 > 21 gennaio 2018

DOVE

Palazzo delle Esposizioni

Via Nazionale, 194 • Roma

PREZZO

– Intero € 12.50

– Ridotto € 10

ORARIO

Domenica, martedì, mercoledì e giovedì dalle 10:00 alle 20:00
Venerdì e sabato dalle 10:00 alle 22:30 – lunedì chiuso
L’ingresso è consentito fino a un’ora prima della chiusura

INFO

https://www.palazzoesposizioni.it/

Star Punch Girl © Sphinx Scribble

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

Ludovica Gioscia. Nuclear Reaction Cosmic Interaction

Ex Elettrofonica riapre dopo la pausa estiva il 28 settembre con NUCLEAR REACTION COSMIC INTERACTION prima personale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi