venerdì , 19 Luglio 2024
Home / News / In asta la collezione d’arte di Marco Vallora

In asta la collezione d’arte di Marco Vallora

Velasco Vitali, Ritratto di Marco Vallora,
tempera su carta di giornale che riporta un articolo di Marco Vallora, 32,5×22,5

Il prossimo 25 marzo Sant’Agostino Casa d’Aste esiterà l’asta della collezione privata di Marco Vallora (Torino, 1953 – Vercelli, 2022).

Critico d’arte e cinematografico, studioso, il giornalista e curatore torinese è scomparso improvvisamente nell’ottobre del 2022.  Nel corso della sua intensa attività professionale ha collezionato oltre ottanta opere, che lo hanno accompagnato nella sua vita e provengono dalla sua ultima abitazione; questa settimana sarà possibile ammirarle nella sede di Sant’Agostino Case D’Aste in CorsoTassoni 56 a Torino.

Vincenzo Gemito, “Volto femminile”, Torino, 1924, ore 4 1/2
45,5×37, tecnica mista su carta

La sua collezione è una sorta di viaggio nell’arte che spazia dal primo Novecento fino ai giorni nostri, testimonianza della sua famiglia, dei tanti incontri e amicizie, dei suoi studi e delle sue passioni. Alcune opere provengono dalla casa materna (come il ritratto della madre Bianca Accornero Vallora di Daphne Maugham Casorati, o il curioso collage di tessuto realizzato dalla madre della pittrice, Beldy Beldy Maugham, anch’ella artista) ma la maggior parte sono disegni e dipinti a lui dedicati di artisti contemporanei con i quali intratteneva rapporti non solo professionali, ma anche di stima e amicizia reciproca. Non a caso la copertina scelta per l’asta è il ritratto di Vallora eseguito da Velasco Vitali sui ritagli di alcuni articoli di giornale scritti dal critico, a seguito di un’intervista riguardo al tema del ritratto.

Ernst Fuchs, “Violoncellista” 1950-1951
43,5×30, tecnica mista su carta
Opera firmata e datata

Tra gli artisti gli amici di sempre Carol Rama, Giulio Paolini, (entrambi presenti in asta con diverse opere dedicate all’amico) Trento Longaretti, Carlo Mattioli, Mino Rosso, Piero Ruggeri, Sergio Saroni, e ancora, Giancarlo Ferroni, Francesco Casorati, Giancarlo Vitali e suo figlio Velasco, Giovanni La Cognata, Armodio (Vilmore Schenardi), Tullio Pericoli, Massimo Pulini, Diego Saiani, Marino Ceccarelli, Ettore Sobrero, Alessandro Papetti, Marco Fantini, tutti artisti che saranno presenti nell’asta. Ma non solo: in collezione anche diverse opere di esponenti della cultura come Alfonso Gatto, Mario Lattes, Carlo Levi, Mino Maccari, Lalla Romano artisti ma noti anche come scrittori e poeti, che condividevano con Vallora l’amore per la letteratura.

Georges Braque, “Tête I” 1950
20,5×26,8 acquaforte su carta Giappone, es. 3/6

Vallora era nato nel 1953 a Torino, dove si è laureato con una tesi sul Metaromanzo e l’autorispecchiamento nelle arti, relatore Gianni Vattimo, co-relatori Claudio Magris, Gianni Rondolino e Lionello Sozzi. Critico cinematografico e storico dell’arte, ha lavorato come consulente editoriale presso la casa editrice Einaudi. Ha collaborato con quotidiani e settimanali come La Repubblica, La Stampa, Panorama, L’Europeo, gli inserti culturali del Giornale e di Il Sole 24 ore. Ha dedicato saggi a Barthes, Proust, Butor, Picasso e le avanguardie, Ejzensejn, Roberto Longhi, Giovanni Testori, Cocteau, Pasolini. Curatore di mostre internazionali, ha insegnato Storia dell’Arte Contemporanea all’Università di Urbino, ed Estetica al Politecnico di Milano.

Daphne Maugham Casorati, “Ritratto di Bianca Accornero in Vallora”, 60×50, olio su tela

Musicologo (il padre era un violinista) e appassionato collezionista di libri, negli anni ha collaborato con molteplici giornali e riviste anche su questi temi.

Giulio Paolini, “Senza titolo” 2016
33×50, collage su carta
opera firmata, datata e dedicata a Marco Vallora al retro

È stato direttore della rivista di cinema Essai. Tante le mostre che ha curato o presentato in catalogo, con l’eclettismo e la curiosità che hanno caratterizzato tutta la sua esistenza. Una figura colta che ha segnato profondamente la vita culturale in Italia, come dimostrano i tanti attestati di stima di artisti e colleghi.

PER INFO

La collezione privata di Marco Vallora

Lunedi 25 marzo ore 15.00

Sant’Agostino Case d’Asta

About Paola Stroppiana

Paola Stroppiana (Torino, 1974) è storica dell’arte, curatrice d’arte indipendente e organizzatrice di eventi. Si è laureata con lode in Storia dell’Arte Medioevale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino, città dove ha gestito per più di dieci anni una galleria d'arte contemporanea. Collabora con diverse testate per cui scrive di arte e cultura. Si interessa a nuovi percorsi d’indagine come il gioiello d’artista e le ultime tendenze del collezionismo contemporaneo, argomenti sui quali ha tenuto conferenze presso l’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, Il Museo Civico di Arte Antica e la Pinacoteca Agnelli di Torino, il Politecnico di Milano.

C'è anche questo...

La grande retrospettiva su Felice Carena alle Gallerie d’Italia a Milano

Intesa San Paolo dedica sino al 29 settembre una grande retrospettiva a Felice Carena, tra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi