lunedì , 15 Luglio 2024
Live!

Marc Chagall. Una retrospettiva 1908 – 1985

Marc Chagall arriva a Palazzo Reale di Milano con una delle più grandi retrospettive di sempre. Un evento storico

Marc Chagall dall’inizio alla fine potremmo semplicemente affermare visitando la bellissima retrospettiva che vede il grande autore russo protagonista nelle sale di palazzo Reale di Milano dal 17 settembre 2014 al 1 febbraio 2015.

Marc Chagall
Marc Chagall
Troviamo opere provenienti da tutto il mondo che sono state raccolte partendo da un interrogativo e da un’esigenza: da una parte capire come un pittore che ha tanto sperimentato sia potuto rimanere sempre coerente con se stesso, dall’altra individuare nell’opera di Chagall il segreto della sua poesia, quella di un uomo fragile che attraverso gli sconvolgimenti del secolo breve, seppe rimanere fedele alla propria tradizione, alla propria umanità.
Il percorso è rigorosamente cronologico e permette di vedere tutti gli aspetti che hanno contraddistinto l’opera di Marc Chagall: la cultura ebraica, l’origine russa, l’incontro con la pittura francese.
Si scopre così che nonostante i viaggi, l’esilio, le guerre, Marc Chagall non perde mai il filo rosso del suo cuore di bambino. E quindi ogni opera si riempie di stupore, gioia, meraviglia, di fiducia nella realizzazione di un mondo migliore. Così negli anni giovanili, così in tarda età.
Marc Chagall, una retrospettiva, è un appuntamento da non perdere, un’occasione unica della quale è consigliabile approfittare. A Palazzo reale di Milano dal 17 settembre 2014 al 1 febbraio 2015

About Valdemaro Brakus

Direttore di Canale ARTE si occupa di giornalismo e scrittura dai tempi del liceo. Appassionato di video e fotografia realizza reportage sull'universo arte e su qualunque altra cosa gli piaccia. Fa anche l'attore quindi non è dato sapere se è uno, nessuno o centomila.

C'è anche questo...

Diego Velázquez ospite illustre alle Gallerie d’Italia di Napoli

Sarà possibile ammirare sino al 14 luglio alle Gallerie d’Italia nella sede di Napoli due …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *