mercoledì , 23 settembre 2020
Home / Video / Reportage / Mostre / Le sculture di Aron Demetz alla Nuvola Lavazza per Art Site Fest

Le sculture di Aron Demetz alla Nuvola Lavazza per Art Site Fest

Aron Demetz _Nuvola Lavazza_Area Basilica Paleocristiana Installation view ph. Domenico Bozzalla

In occasione di Arte Site Fest le sculture materiche e coinvolgenti dell’artista altoatesino Aron Demetz (Val Gardena, 1972) dialogano con il sito archeologico della Nuvola Lavazza, per la prima volta aperto all’arte contemporanea.

Giunto alla quinta edizione, Art Site Fest propone anche quest’anno uno stimolante percorso attraverso le arti visive, la musica, la scrittura, in luoghi non normalmente dedicati all’arte contemporanea: dimore storiche, parchi, giardini e musei sono chiamati ad accogliere opere che si adattano ai luoghi in modo  non convenzionale e fuori dai normali contesti espositivi e allestitivi, trovando in essi un nuovo significato e nuove chiavi di lettura.

Aron Demetz _Nuvola Lavazza_Area Basilica Paleocristiana Installation view ph. Domenico Bozzalla

La manifestazione è realizzata con il patrocinio di Regione Piemonte, Città di Torino, Comune di Govone, Comune di Collegno, Comune di Moncalieri, con il sostegno di Fondazione CRT e Fondazione CRC e con la collaborazione della Soprintendenza di archeologia, belle arti e paesaggio per la Città metropolitana di Torino, Torino Fondazione Torino Musei, Museo Storico Reale Mutua, Casa Martini, Museo Lavazza, Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino e Seeyousound festival.

La Nuvola Lavazza, il cui Museo aderisce alla rete Museimpresa, ospita un progetto di Aron Demetz: sette sculture scelte nell’ampia produzione dell’artista altoatesino sono collocate all’interno del perimetro della necropoli paleocristiana venuta alla luce durante i lavori di costruzione d’edificio, sede della società torinese. Nel 2014 i lavori di scavo della Nuvola Lavazza, il cui progetto porta la firma dell’architetto Cino Zucci, hanno portato alla luce i resti di una chiesa paleocristiana del IV-V secolo d.C., verosimilmente intitolata a San Secondo Martire, in un’area archeologica di circa 1.600 metri quadrati, il cui rinvenimento è stato vissuto come un’occasione di arricchimento. Il progetto architettonico originario è stato infatti modificato proprio per tutelare e valorizzare il sito; l’ampia vetrata all’interno del nuovo Centro Direzionale Lavazza – all’angolo tra via Ancona e corso Palermo permette ai passanti di vedere i resti archeologici dei mausolei e della chiesa emersi dagli scavi.

Aron Demetz ph. Domenico Bozzalla

Con il progetto di Demetz,  realizzato in collaborazione con la Galleria Doris Ghetta (Ortisei), figure umane intagliate nel legno (si noti come le sculture siano tratte da tronchi di alberi in unico blocco)  ricoperte di gesso o fuse in bronzo emergono dalle rimanenze archeologiche e intrattengono un dialogo serrato – non solo cromatico e materico, ma anche concettuale  – con le superfici terrose, i resti delle pareti, il perimetro delle tombe, e non ultima con la struttura in ferro che contiene lo scavo, come a segnare il recupero della radice originaria della scultura e stabilire una connessione che supera le dimensioni spaziali e temporali in un’unicità di visione empatica.

Aron Demetz _Nuvola Lavazza_Area Basilica Paleocristiana Installation view ph. Domenico Bozzalla

“Jean-Pierre Vernant, – afferma il curatore della mostra Domenico Maria Papa – nell’illustrare la religiosità della Grecia antica, ci parla del kolossos, un primo concetto di statua, un manufatto approssimativamente abbozzato che un tempo prendeva il posto del corpo di un defunto. La scultura, e con essa l’arte, nascono a rimarcare il passaggio verso un’altra dimensione.Le sculture di Aron Demetz recuperando la radice antica della scultura, pur attraverso un linguaggio attuale, offrono la chiave per cogliere il senso del luogo, la storia e, insieme, la valenza sacra dello spazio.”

Abbiamo chiesto ad Aron Demetz di illustrarci le sue opere:

“Questo progetto prosegue il mio dialogo con l’antico iniziato già da alcuni anni e culminati con la grande personale “Autarchia” dello scorso anno: alcune opere qui esposte sono state infatti realizzate per la mostra che ho tenuto presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli nel 2018. Entrare in contatto con dei reperti antichi di tale importanza, e oggi con questo straordinario scavo, è stato lo spunto per una riflessione su come anch’io possa lavorare sui reperti, e in generale sul concetto di memoria e trasformazione, all’interno della mia ricerca. Una grande sfida che ho accettato e che ha soddisfatto le mie aspettative, mi sembra che il legame tra passato e presente che ho cercato di esplicitare sveli una continuità tra sensibilità lontane nel Tempo. Per alcune mie sculture ho utilizzato come modelli i mei nipoti che hanno età differenti: fondendo diversi elementi in un’unica scultura ho posto quindi l’attenzione sul passaggio del tempo. Passaggio che ho voluto esplicitare anche in altri modi: su una scultura in legno per esempio ho usato il gesso per mostrare i segni delle mani (che compaiono anche come entità fisiche che agiscono sulla statua), elementi che hanno a che fare di per sé con la scultura stessa ma parlano del tempo presente, dell’opera in divenire. Nella mie opere i materiali hanno molta importanza, il gesso è materia fragile cha ha una sua fine, come lo chiamo io è “un fallimento del fallimento” non è mai finito, ha sempre necessità di essere restaurato, e questo riporta al concetto stesso del reperto archeologico, che ha necessità di una cura continua, di interventi di restauro. Anche la dimensione verticale delle mie figure collabora all’armonia installativa, le sculture dialogano con i vani orizzontali sul pavimento in cui erano collocate le tombe.

Aron Demetz _Nuvola Lavazza_Area Basilica Paleocristiana Installation view ph. Domenico Bozzalla

Ci parli delle opere in bronzo?

Le opere in bronzo, come la casa posta all’inzio del percorso, fanno parte delle serie dei corpi bruciati: per me bruciare un corpo è come bruciare la casa in cui abitiamo per cui bruciano i ricordi, le memorie, quello che abbiamo investito nella casa stessa:;tuttavia le mura rimangano in piedi: la figura umana, come la struttura esterna della cassa, rimane in piedi con una sua dignità, con postura eretta, non c’è cenere, c’è piuttosto un desiderio di resistere e trasformarsi. La trasformazione spirituale passa anche attraverso la materia”.

Aron Demetz _Nuvola Lavazza_Area Basilica Paleocristiana Installation view ph. Domenico Bozzalla

 

Per info e prenotazioni:
+39 0112179621, 

About Paola Stroppiana

Paola Stroppiana
Paola Stroppiana (Torino, 1974) è storica dell’arte, curatrice d’arte indipendente e organizzatrice di eventi. Si è laureata con lode in Storia dell’Arte Medioevale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino, città dove ha gestito per più di dieci anni una galleria d'arte contemporanea. Collabora con diverse testate per cui scrive di arte e cultura. Si interessa a nuovi percorsi d’indagine come il gioiello d’artista e le ultime tendenze del collezionismo contemporaneo, argomenti sui quali ha tenuto conferenze presso l’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, Il Museo Civico di Arte Antica e la Pinacoteca Agnelli di Torino, il Politecnico di Milano.

C'è anche questo...

“Gemito, dalla scultura al disegno” a Napoli

Gemito, dalla scultura al disegno: il Museo di Capodimonte offre la mostra sul web! A …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi