lunedì , 19 novembre 2018
Home / Video / Reportage / Mostre / La collezione di gioielli d’artista di Diane Venet in mostra a Parigi

La collezione di gioielli d’artista di Diane Venet in mostra a Parigi

 Sarà visitabile sino al 9 di settembre la mostra “De Calder à Koons, bijoux d’artistes” al Musée des Arts Décoratifs di Parigi: in mostra i gioielli creati da 150 grandi artisti collezionati in 30 anni da Diane Venet.

Damien Hirst

Tra gli altri, opere  di Max Ernst e Pablo Picasso, Alexander Calder e Salvador Dalì, Niki de Saint Phalle, César e ancora Gio’ e Arnaldo Pomodoro, Louise Bourgeois, Andy Warhol, ma anche artisti più attuali tra cui Jeff Koons, Damien Hirst, Anish Kapoor, Giuseppe Penone, Ai Weiwei, Sophia Vari e Wim Delvoye, Grayson Perry, Yayoi Kusama e Orlan, i fratelli Chapman, Erwin Wurm.

      Pablo Picasso

Questa particolare declinazione in ambito artistico, che particolare successo aveva avuto nel Secondo Dopoguerra, sta ora riacquisendo nuova attenzione da parte di pubblico e critica per le particolari connessioni  con la ricerca degli artisti; spesso considerata, a torto, una espressione minore, è ora giustamente riconsiderata nel giusto valore. A questa rivalutazione contribuisce un discorso collezionistico, perché se per molti nomi (Picasso, Calder, Dalì, Hirst, Koons, Penone) i prezzi d’acquisto delle opere d’arte sono oggi per molti versi proibitivi, i gioielli d’artista rappresentano ancora una forma di investimento interessante, che può riservare ancora qualche sorpresa in termini di rarità, preziosità e possibile rivalutazione.

Wilfredo Lam

La mostra, che si avvale anche di prestiti interessanti provenienti dalla ricca sezione storica dedicata al gioiello attraverso i secoli (una sezione che da sola vale il viaggio per la scientificità  e intelligenza dell’allestimento) nello stesso Museo di Arti Decorative, ma anche da importanti collezionisti privati,  esalta la bellezza estetica e la componente storica degli esemplari esposti, che sottende alla scelta di molti artisti di misurarsi con l’arte orafa.Un atteggiamento che avviene spesso con atteggiamenti  diametralmente opposti: pittori e scultori, nell’accostarsi al gioiello, spesso riducono nella dimensione e nei materiali la loro cifra stilistica, miniaturizzandola o adeguandola al corpo in modo letterale. Talvolta invece il gioiello (e questo avviene nella maggioranza dei casi selezionati) è stato il punto di partenza nel percorso creativo: questa scelta rivendica la pari dignità del gioiello come opera d’arte in sé compiuta, nell’annullamento tra arti maggiori e minori che Vasari già rivendicava: il gioiello non è evocazione, né riduzione e neppure alternativa: è fatto artistico. Un territorio dove dominano le competenze tecniche, dove astratto e figurativo sono estremi di un medesimo linguaggio che si esprime con un nuovo alfabeto che sa dialogare, o contrapporsi, con l’elemento corpo.

Proprio una riflessione sulle motivazioni e sulla poetica che sta alla base della creazione di un gioiello dà l’avvio al percorso espositivo: «La mia passione è iniziata quando Bernar ha avvolto attorno al mio anulare sinistro un filo d’argento finissimo, come simbolo del nostro legame indissolubile. Questo gesto così intimo mi ha spinto a riflettere sulla natura segreta che spesso sta all’origine di un gioiello».

Giuseppe Penone

La mostra si snoda poi come un vero e proprio percorso cronologico e tematico, sviluppando argomenti come “Flora e Fauna” o “Sogno e Fantasia” in cui è svolto il tema del Surrealismo con artisti come Dalì, Man Ray, Cocteau, e alcuni interessanti focus su alcuni artisti in particolare, il cui contributo in ambito orafo è stato particolarmente significativo.  Un altro aspetto interessante analizzato in mostra è quello tecnico-esecutivo: solo una piccola parte degli esemplari esposti  è realizzata dagli artisti stessi, ad esclusione di  John ChamberlainLouise NevelsonGio’ Pomodoro, Claude ViallatAlexander Calder. Diversamente gli artisti realizzano bozzetti e l’esecuzione del loro progetto è affidata a un grande orafo. A Parigi uno di questi protagonisti, amico e confidente di molti artisti oltre che grandissimo artigiano, è stato François Hugo, di cui è esposto il prezioso catalogo di lavoro in cui appuntava i nomi degli artisti, i progetti, i disegni e le caratteristiche tecniche. Viene anche ricordato con una sezione la GEM Montebello, lanciata da Giancarlo Montebello e Teresa Pomodoro (sorella di Gio’ e Arnaldo) nel 1967 per realizzare “gioielli d’arte economici” in edizioni limitate di esemplari, sfruttando le tecniche della produzione semi-industriale e –  fatto degno di nota – utilizzando materiali non considerati “preziosi” ma i più svariati, atti a restituire al meglio il lavoro e a contenere il prezzo. Montebello propone di fatto un vero e proprio esperimento di serialità “d’autore”, presentando sul mercato gioielli disegnati dagli artisti in edizioni limitate di esemplari, (sino a 200), numerate e firmate; oltre ai fratelli Pomodoro, César, Sonia Delaunay, Piero Dorazio, Lucio Fontana, Hans Richter, Larry Rivers, Niki de Saint Phalle, Jesús Soto e Alex Katz sono alcuni dei numerosi personaggi (più di cinquanta) con cui Montebello ha lavorato dal 1967 al 1978.

Man Ray

Molti infine gioielli realizzati in esemplare unico per Madame Venet da artisti contemporanei (come il bracciale di Pablo Reinoso) che hanno intessuto con lei un rapporto di amicizia e stima e che hanno accresciuto una collezione che è diventata anche un racconto emozionale per Diane, un diario di incontri e sinergie in continuo divenire. Passione che è rimasta in famiglia ed è idealmente proseguita dalla figlia Esther de Beaucé che, dall’apertura della sua galleria miniMASTERPIECE nel 2012 sulla Rive Gauche, diventata un punto di riferimento sulla scena internazionale, ha edito i gioielli di una trentina di artisti e designer e prosegue con attenzione una puntuale selezione e promozione del gioiello in tutte le sue fasi.

Per Info

De Calder à Koons, Bijoux D’Artistes. La collection idéale de Diane Venet

Musée des Art Decoratifs

MAD
107, rue de Rivoli
75001 Paris

About Paola Stroppiana

Paola Stroppiana
Paola Stroppiana (Torino, 1974) è storica dell’arte, curatrice d’arte indipendente e organizzatrice di eventi. Si è laureata con lode in Storia dell’Arte Medioevale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino, città dove ha gestito per più di dieci anni una galleria d'arte contemporanea. Collabora con diverse testate per cui scrive di arte e cultura. Si interessa a nuovi percorsi d’indagine come il gioiello d’artista e le ultime tendenze del collezionismo contemporaneo, argomenti sui quali ha tenuto conferenze presso l’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, Il Museo Civico di Arte Antica e la Pinacoteca Agnelli di Torino, il Politecnico di Milano.

C'è anche questo...

10 mostre da vedere nel Regno Unito a novembre

Dalla piscina vuota simbolo della gentrificazione dell’East End londinese alla opere giganti e coloratissime di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi