giovedì , 5 dicembre 2019
Home / Video / Reportage / Mostre / Gli Haiku di Stefano Sesti – VIRUS ART

Gli Haiku di Stefano Sesti – VIRUS ART

Virus Art Gallery

I quadri di Stefano Sesti e le poesie: Haiku.

L’Haiku è una composizione poetica, nata nel XVII Secolo in Giappone, composta da tre versi in cui ha più peso il non detto rispetto a quello che viene detto.

Le foglie cadono /In un piccolo spazio di terra /come i giorni della vita.

Mostra Stefano Sesti alla Virus Gallery

Stefano Sesti si presenta così con una sintesi dell’esistere, un sospiro leggero di amara verità. Una amara verità, come i suoi colori che “proiettano la memoria del passato nel futuro” (Paola Valori)

Macchie di vernice su tela neutra o, emulsionata, che si completano con pochi tondi gialli, rossi o neri. Presenze di un alfabeto interiore nella costituzione di un discorso che va, come per Borges, oltre lo specchio. Non bisogna dimenticare che nella scrittura visiva il gesto è la trasposizione vitale del pensiero perciò, i crittogrammi di Sesti sono poesie visive come quelle di Henri Michaux, Hugo Claus, K.R.K. Sonderborg (LES PEINTRES POETES Vitalità nell’arte, Venezia 1959).

Nelle poesie visive la parola è sostituita da un segno o da una macchia di colore, con cui l’artista coniuga, più avvenimenti in un assemblaggio tra sogno e realtà.
Per tornare alla pittura di Sesti occorre sottolineare che i grumi di colore hanno tutti un filamento, una bava, che li completa e li lega l’uno all’altro in una sequela ritmica di effetto pittorico in cui ogni segno concorre ad un carattere rifinito maggiormente espressivo.

Virus Art Gallery

Avviene così che ogni immagine assume, un rilievo pregnante, ancora più pregnante quando al fondo neutro, si aggiunge un fondo fotografico. Uno scatto che Stefano riprende nel suo vagabondare per la città. Può essere un particolare di manifesto strappato, o uno scorcio d’ architettura, a sua volta obliterato da macchie di colore.

“A proposito della fotografia che Sesti presentava per la prima volta, alla Galleria il Marzocco (2008), scrivevo: La singolarità e l’irrazionalità dell’esistere si manifestano anche con la fotografia per un linguaggio espressivo che trova il suo essere nella regressione sempre più marcata della funzione strutturale. Fotografie e colore per un ritmo minimalista di poesia. E’ la conseguenza di un processo organico, la necessità di un linguaggio che, secondo i casi, Stefano Sesti esprime con la poesia o con la pittura. Due situazioni unificate che possono variare nella tecnica ma che sono simili nella resa espressiva.

Ma chi sono questi fantasmi?/ Forse parole mai detta / per un amore eterno. (Stefano Sesti)

Ecco che è l’haiku del poetare, che ritorna simile però nel senso, al grumo, della pittura. Per Stefano Sesti uno stile di ricerca e di vita.” Pierluigi Albertoni

Invito Opening

Virus Art Gallery

via Reggio Emilia 69, Roma

 349 706 1109
 virusartgallery@outlook.it

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

Roma, Palazzo Barberini | Nuovo progetto allestimento ala nord

NUOVO ALLESTIMENTO DEI CAPOLAVORI DEL SEICENTO A PALAZZO BARBERINI. Introduce Flaminia Gennari Santori, Direttrice Gallerie …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi