giovedì , 14 novembre 2019
Home / Video / Reportage / 24 ORE Cultura / Klimt. Alle origini di un mito. Palazzo Reale Milano
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Klimt. Alle origini di un mito. Palazzo Reale Milano

Klimt. Alle origini di un mito è la mostra che ha aperto i battenti il 12 marzo 2014 Palazzo Reale di Milano.

Promossa dal Comune di Milano, prodotta da Palazzo Reale e organizzata da 24 Ore Cultura – Gruppo 24 Ore e Arthemisia Group in collaborazione con il Belvedere di Vienna, Klimt. Alle origini di un mito porta alla luce un aspetto nuovo del grande artista austriaco: gli anni giovanili, la sua formazione professionale e artistica, i legami famigliari e il niveau culturale all’interno del quale Gustav Klimt si muoveva.
Klimt. Alle origini di un mito è curata da Alfred Weidinger, curatore e vicedirettore del Belvedere di Vienna e si avvale della collaborazione, per l’Italia, della studiosa klimtiana Eva di Stefano.
Sono venti gli oli di Gustav Klimt che giungono a Palazzo Reale di Milano insieme alle opere di chi gli fu vicino sentimentalmente e professionalmente. Un evento di grande portata tenuto conto che gli esperti ritengono che al mondo esistano solo cento opere di Gustav Klimt, tra dipinti e affreschi. Lo stesso Museo Belvedere, in occasione del centocinquantesimo anniversario della nascita di Klimt, non espose più di quaranta opere.

Klimt. Alle origini di un mito, a Palazzo Reale di milano fino al 13 luglio 2014, indaga i rapporti famigliari e affettivi di Gustav Klimt, esplora l’inizio della sua carriera presso la Scuola di Arti Applicate di Vienna, scopre la sua grande passione per teatro e musica. Lo fa con le opere di Gustav Klimt, fra le quali spiccano Adamo ed Eva, Salomè, Girasole e Acqua in movimento, ma anche con quelle di Ernst Klimt e Franz Matsch coi quali Klimt fondò la Kunstler-Compagnie (Compagnia degli artisti). E altre di Georg Klimt, Hans Makart, Eduard Veith, Carl Moll e altri.

Chicca assoluta della mostra è la riproduzione dell’originale del “Fregio di Beethoven” che venne esposto a Vienna nel 1902 all’interno del Palazzo della Secessione. Il fregio, realizzato da Gustav Klimt per commemorare il grande compositore occupa un’intera sala della mostra per “immergere” il visitatore in un’esperienza totale, massima aspirazione degli artisti della Secessione Viennese, ascoltando le note della Nona Sinfonia di Beethoven.

Klimt. Alle origini di un mito, Palazzo Reale di Milano dal 12 marzo 2014 al 13 luglio 2014.new nike air max 2019

About Valdemaro Brakus

Valdemaro Brakus
Direttore di Canale ARTE si occupa di giornalismo e scrittura dai tempi del liceo. Appassionato di video e fotografia realizza reportage sull'universo arte e su qualunque altra cosa gli piaccia. Fa anche l'attore quindi non è dato sapere se è uno, nessuno o centomila.

C'è anche questo...

10 mostre da vedere nel Regno Unito a novembre 2019

Dalla retrospettiva dedicata alla carriera di Dora Maar, poetessa, fotografa e pittrice francese che influenzò …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi