lunedì , 18 febbraio 2019
Home / Video / Reportage / Fiere / Affordable art fair, Milano – Beijing (Pechino)

Affordable art fair, Milano – Beijing (Pechino)

Lanjie HU, Fondatrice di PICA Photo, Beijing, Cina

L’edizione 2019 di Affordable Art Fair si è conclusa ed è il momento di tirare le fila. Nella sezione Lose yourself in Asia si è tenuto un battesimo: per la prima volta ha partecipato una galleria cinese Pica Photo, specializzata in fotografia. Nell’intervista con la fondatrice Lanjie HU scopriremo le sue impressioni sulla realtà milanese, i risultati attesi e le differenze con il mercato cinese in cui la galleria opera.


Milano – Beijing
“Innanzitutto, premetto che l’esperienza ad Affordable art fair non è sufficiente per farmi un’idea del mercato dell’Arte professionale di Milano o Italiano. E’ una fiera soprattutto per il pubblico e il pubblico acquista i lavori principalmente per decorare la propria casa, seriamente non stiamo parlando di collezionismo d’arte. Sono contenta però di aver visto così tante persone visitare una fiera d’arte, è stata quasi la stessa affluenza di visitatori avuta a Beijing (e la popolazione di Beijing supera i 50 miliardi).
Se parliamo strettamente di acquirenti, sia i collezionisti professionisti che gli amanti dell’arte, la Cina è un mercato sicuramente migliore dell’Italia (la Cina è il secondo più grande mercato dell’arte al mondo). Poche persone amano l’arte in Cina, ma queste hanno i soldi, e negli ultimi 30 anni sono diventate sempre più professionali nell’acquistare opere d’arte.
Persino il gusto artistico del pubblico è più alto in Cina che a Milano. Hanno una mentalità più aperta, perché la maggior parte degli amanti dell’arte in Cina ha un’educazione di alto livello. La classe media cinese si è sviluppata molto velocemente negli ultimi 10 anni (il pubblico allargato non frequenterebbe una fiera d’arte nel week-end, sono in ufficio)”.

La scelta di un’opera d’arte
“Scegliere un’opera d’arte o scegliere un’artista, io credo che la cosa più importante sia l’idea che sta dietro l’opera d’arte. Qui non stiamo parlando di storia dell’arte, tecnica o media utilizzato, colore, composizione…non sono gli unici fattori per valutare un’opera d’arte. L’aspetto più appassionante dell’arte, secondo me, è la “rivoluzione” a cui dà vita. L’artista, come lo scienziato, non crea qualcosa di utile per le nostre vite. Essi ci regalano un modo diverso di pensare, un punto di vista particolare. Sono come un leader che ci mostra una nuova strada per aprirci al mondo. Io credo che ogni bravo artista ed ogni opera d’arte di valore possa portarci a questa sensazione.
Per gli amanti dell’arte questo aspetto non è importante. Scelgono i lavori che possono permettersi e di cui si innamorano a prima vista. E’ importante la sensibilità.
Per i collezionisti professionisti concorrono più fattori: la biografia dell’artista, la Galleria che lo rappresenta, le mostre importanti in Galleria, la presenza in collezioni di importanti musei, le pubblicazioni, la transazione alla casa d’aste. Tutte queste informazioni guidano il collezionista nella scelta delle opere d’arte”.

Affordable Art Fair 2019
“Trovo che in Italia la maggior parte del pubblico preferisca la pittura e sia preoccupato che la fotografia sia una copia o che non sia stata effettivamente scattata da una macchina fotografica, ma piuttosto modificata da Photoshop. Onestamente, in occasione di questa fiera d’arte non abbiamo venduto molti lavori e, per lo più, quelli venduti appartenevano ad una fascia di prezzo bassa.
Abbiamo partecipato ad alcune Fiere d’arte in Cina, come China International Gallery Exposition / Art Beijing / Art Shenzhen / Art Yangzte. Le prime due si svolgono a Beijing, capitale e centro della cultura in Cina, e offrono più opportunità e un numero maggiore di transazioni. Gli artisti che seguiamo sono molto popolari e la fotografia in particolare ha più successo, perché acquistabile ad un prezzo inferiore rispetto alla pittura”.

Lanjie HU, presso lo stand, courtesy of PICA Photo (inclusa l’immagine in copertina)

PICA Photo
Fondata nel 2016, PICA Photo è una Galleria online focalizzata sulla fotografia d’arte contemporanea di tutto il mondo, sia in edizione limitata sia accessibile ad un pubblico più vasto. Ad oggi segue 32 artisti emergenti da 24 diversi paesi ed è alla continua ricerca di nuovi talenti internazionali.

www.picaphoto.net

About Diana Cicognini

Diana Cicognini
Diana. Dea cacciatrice! Il mio territorio è Milano, la mia preda l'Arte ... che racconto, scrivo, disegno (dipingo) e metto in mostra. La mia Canon mi accompagna sempre per testimoniare la bellezza e là dove il mio obiettivo fotografico non arriva...un grazie dichiarato ad artisti, gallerie ed uffici stampa che mi concedono "uno scatto" per le mie parole.

C'è anche questo...

Contemporary Cluster Roma presenta F U R I A

Il 15 Febbraio 2019 Contemporary Cluster, in collaborazione con Propaganda e Drago presenta: Furia. La Furia è sentimento, reazione, impeto. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi