venerdì , 17 settembre 2021
Home / Video / Gli artisti, le opere / Gli artisti e le opere: Taichiro Nakay , Libreria componibile, Prod. Consorzio la Permanente Mobili,1955

Gli artisti e le opere: Taichiro Nakay , Libreria componibile, Prod. Consorzio la Permanente Mobili,1955

 

La libreria componibile (1955) è una delle opere più conosciute del designer giapponese Taichiro Nakay, noto per alcune sue creazioni realizzate per il concorso «Prima Mostra Selettiva del Mobile», tenutosi a Cantù (Milano) nel 1955.

 

Taichiro Nakay,  Libreria componibile con ossatura a paravento in tondino laccato, moduli in legno ed elementi in vetro. Prod. Consorzio la Permanente Mobili, Italia, 1955

 

Cantù è da sempre luogo dove si sono concentrati famosi mobilifici lombardi; grande successo ebbe, negli anni subito successivi al Secondo Dopoguerra, la collaborazione con la Triennale di Milano, tanto che l’amministrazione cittadina decise di creare una fiera per rilanciare l’economia del design locale: la « Mostra Selettiva del Mobile», venne organizzata ogni due anni tra il 1953 e il 1975.
Vero concorso internazionale del mobile, la fiera riunì designers di tutto il mondo: tra gli altri Franco Albini, Gio Ponti, Ico Parisi, Paolo Buffa, Guglielmo Ulrich, Carlo De Carli, Eero Aarnio, Ilmari Tapiovaara, Ettore Sottsass, Taichiro Nakay, Angelo Mangiarotti, BBPR.
Una giuria qualificata selezionava i progetti più interessanti per farli realizzare dai produttori locali: nacquero così interessanti collaborazioni tra distributore e designer.

L’edizione del 1955 è stata una delle più interessanti grazie alla sua giuria d’eccezione composta da Gio Ponti, Carlo De Carli, Alvar Aalto e dal designer danese Finn Juhl che assegnarono premi speciali al finlandese Ilmari Tapiovaara e al giapponese Taichiro Nakay.

Quest’ultimo unisce sapientemente lo stile giapponese all’eleganza formale italiana: le linee sono semplici, pulite, organiche, caratterizzate da angoli retti che evocano la piegatura di origami e richiamano nella sobrietà geometrica orientale le stesse caratteristiche del gusto europeo di quegli anni, non lontano dalla lezione di Franco Albini e Gio Ponti.

 

Taichiro Nakay, Libreria componibile con ossatura a paravento in tondino laccato, moduli in legno ed elementi in vetro. Prod. Consorzio la Permanente Mobili, Italia, 1955

 

 

Per info

Casa D’Aste Sant’Agostino

 

About Paola Stroppiana

Paola Stroppiana
Paola Stroppiana (Torino, 1974) è storica dell’arte, curatrice d’arte indipendente e organizzatrice di eventi. Si è laureata con lode in Storia dell’Arte Medioevale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino, città dove ha gestito per più di dieci anni una galleria d'arte contemporanea. Collabora con diverse testate per cui scrive di arte e cultura. Si interessa a nuovi percorsi d’indagine come il gioiello d’artista e le ultime tendenze del collezionismo contemporaneo, argomenti sui quali ha tenuto conferenze presso l’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, Il Museo Civico di Arte Antica e la Pinacoteca Agnelli di Torino, il Politecnico di Milano.

C'è anche questo...

I mosaici dalle Collezioni Capitoline. Colori dei Romani

Alla Centrale Montemartini la mostra COLORI DEI ROMANI, prima novità della riapertura del Sistema dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi