mercoledì , 21 novembre 2018
Home / News / Telecromìa. Mostra d’Arte a Spazio Parentesi

Telecromìa. Mostra d’Arte a Spazio Parentesi

Laura Marello per Telecromìa
Laura Marello per Telecromìa

Telecromìa. Mostra d’Arte con le pitture di Simona Diana, Laura Marello, Silvia Perrone e con le illustrazioni di Riccardo Cecchetti e le sculture luminose di Ennio Bertrand e Piero Gilardi inaugura venerdì 12 gennaio dalle 19 presso Spazio Parentesi in via Belfiore 19 a Torino. Fino al 20 gennaio, tutti i giorni 11 – 13 e 15 – 20 o su appuntamento. Canale Arte presenta qui il testo critico dell’esposizione

Nelle complesse formule di questa contemporanea liturgia dell’immagine, la distanza tra oggetto e culto – tra presenza e partecipazione – è la vera protagonista. Traghettare un messaggio, partorire e plasmare un linguaggio – compiti e scelte dell’agente creatore – non rappresentano la necessità dello spettacolo. L’apparenza, il fenomeno, si nutre, e sempre più, di suggestioni esistenziali, citazioni culturali, inter-mezzi parcellizzati, livelli e scale di definizione, corto-circuiti di significato. Ecco dove occorre arrivare con il medium espositivo: mostrare la linea che divide e allontana, che avvicina e riunisce il prodotto ed il codice. Sui due fronti contrapposti, complementari: l’espressione e la relazione, il particolare esclusivo e l’assoluto collettivo.

Telecromìa sarà, forse, la facoltà sensitiva che incrocia l’immediato delle percezioni e la sospensione dei pensieri? Quando la predizione si amalgama al presente, scaturisce la poesia. Dove il futuro si scontra con l’azione, lì dimora una domanda: la critica e la scissione.

Due Iris di Piero Gilardi, simulazioni di natura in vaso-cuore autentico, e altrettante sculture con luce di Ennio Bertrand, sognanti sospese riflessioni di struttura ed equilibrio, illuminano un percorso che trae origine dalla materia per incanalarsi, attraverso l’astrazione, verso la figura. E a ritroso.

I lavori di Simona Diana narrano episodi di passaggio. Scosse interiori generano fasci emotivi pronti a solcare delicatamente la superficie. Talvolta, si frantumano e sminuzzano spontaneamente in polveri, grani, sabbie. Spazzati e riordinati dai venti degli incontri, si fissano a contemplare l’unicità di un’occasione. Il caso vuole, intanto, che per segrete leggi statistiche riemergano a tratti le strutture, le cornici e decorazioni. Fino alla figura umana che, a pelo d’acqua sul colore come una brezza, si addensa prima in visioni e miraggi, e finalmente in misteriosa e indefinibile concretezza.

Laura Marello pratica esercizi di composizione e stile all’interno del quadrato magico della rappresentazione. Come se si trattasse di un territorio da conquistare e coltivare, lo spazio della tela viene costretto alla reazione, al contrasto, alla resistenza. Frutti saranno una pittura di impronta, traccia primordiale di flussi e urgenze, ed un effetto scultoreo, a rilievo su patine o terricci artificiosi. Il campo è quello dei colori neutri: terre, rame, bianchi, grigi e neri, amalgama di plastiche, stucchi e bitumi. Sullo stesso ramo, colano i residui del processo creativo, a modello esemplare. Strappi e fasciature, inserti estemporanei, ustioni trompe l’œil completano l’opera di auto-combinazione delle leghe.

Silvia Perrone compone dipinti ad olio su tela o legno, dal gusto spontaneo narrativo. Pre-testuali e oggettivanti, queste raffigurazioni e stilizzazioni umane si confrontano ad un primo impatto con le categorie del nudo e del ritratto dal vero, per tentare infine inedite prospettive e angolazioni visuali su corpi e spazi circostanti. Le fascinazioni pop dialogano fittamente con le scelte coloristiche, tendenti all’immaginosa soluzione del monocromo sfumato, del grigio grafite a mimetica citazione del disegno e dell’illustrazione. Atmosfere soffuse o luminose annunciano la tentazione postmoderna verso la risoluzione della fotografia. Filtri e cornici en abyme caratterizzano, spezzano, estraniano l’unità della forma-quadro. Le sequenze cinematografiche fanno capolino in accostamenti che si posizionano staccati ed estratti rispetto alla base decorativa, concreta e sognante.

Telecromìa – fino al 20 gennaio tutti i giorni 11 – 13 e 15 – 20 o su appuntamento (3382270563) – Spazio Parentesi – via Belfiore, 19 – Torino

Ivan Fassio

About Ivan Fassio

Ivan Fassio
Poeta, scrittore, curatore d'arte contemporanea.

C'è anche questo...

“The Clock” di Christian Marclay alla Tate Modern

Fino al 20 gennaio 2019, alla Tate Modern di Londra, la video installazione “The Clock” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi