giovedì , 15 aprile 2021
Home / News / Ritrovate due preziose tavole di Antoine de Lonhy all’Abbazia di Vezzolano; un crowfunding per il restauro

Ritrovate due preziose tavole di Antoine de Lonhy all’Abbazia di Vezzolano; un crowfunding per il restauro

Una bella notizia per la storia dell’arte piemontese: gli approfondimenti d’archivio e la rilettura delle fonti hanno permesso di ricostruire la storia di due preziose tavole, oggi attribuite al maestro del Quattrocento Antoine de Lonhy.

Antoine de Lonhy (?), tavola di Vezzolano, particolare

 

Interessante e curiosa la vicenda di queste opere: l’unica traccia documentaria fotografica le colloca all’interno dell’abside dell’Abbazia di Vezzolano tra il 1938 e il 1940; con il passare del tempo non facevano più parte dell’arredo pittorico dell’abbazia e se ne erano perse le tracce; in realtà le due tavole sono state custodite per decenni presso il laboratorio di restauro Nicola ad Aramengo, non lontano dal luogo di provenienza. Durante una visita presso il laboratorio furono “riscoperte” da Giovanni Romano, professore emerito di storia dell’arte dell’Università di Lettere di Torino da poco scomparso, che ne aveva intuito, pur sotto uno strato di velina che ne preservava la conservazione (ma di fatto ne impediva la visione) l’alta qualità pittorica; da qui le due tavole sono state oggetto di nuove ricerche che hanno portato lo studioso a ritenere, in base a stringenti elementi stilistici e dati documentari, che siano state realizzate dalla bottega del grande maestro del quattrocento Antoine de Lonhy, o che addirittura siano riferibili alla sua mano. La figura di Antoine, artista itinerante del Quattrocento, poliedrico e sfuggente, è documentato in area piemontese verso la metà del XV secolo e in questi ultimi anni è stata oggetto di studi condotti da diversi studiosi, che hanno contribuito a ridisegnarne il profilo storico artistico e a costruirne un nuovo catalogo di opere a lui attribuibili, precedentemente assegnate ad altri autori.

Antoine de Lonhy (?), tavola di Vezzolano, particolare

Antoine de Lonhy, nato forse a Tolosa, inizia la sua attività nel 1446 in Borgogna meridionale, lavora tra il 1454 ed il 1462 tra la Linguadoca e Barcellona (dove realizza la vetrata del rosone centrale della Cattedrale di Santa Maria del Mar), e si stabilisce infine nel Ducato di Savoia nel 1462, dove opera fino al 1480-1490 circa. Artista versatile, è a capo di una bottega in cui si padroneggiano con abilità tecniche assai differenti: miniatura, scultura, affresco, composizione vetraria, pittura su tavola, e addirittura disegni preparatori per ricami.

Vertice qualitativo nella parabola creativa di Antoine de Lonhy è la Tavola della Trinità conservata presso il Museo Civico d’Arte Antica di Torino e proveniente dal Duomo della città: conosciuta come tavola del Maestro della Trinità di Torino, come la definì il grande studioso Charles Sterling, è stata assegnata ad Antoine dal professor Romano, e questa attribuzione è oggi accettata dalla maggior parte della critica.

Antoine de Lonhy (?), tavola di Vezzolano, particolare

 

Al corpus delle opere (principalmente su tavola, ma si annoverano anche numerose miniature e persino sculture), si aggiungono oggi le opere di Vezzolano, importantissimo centro del romanico piemontese.  Le due tavole lignee, di notevoli dimensioni (1, 80 di altezza per 2,10 di larghezza), sono dipinte su entrambi i lati: la prima rappresenta la Natività e la Crocifissione, la seconda l’Assunzione di Maria in cielo e la Resurrezione di Cristo. Recenti studi hanno supposto che le due tavole fossero le ante di una teca lignea atta a custodire il gruppo scultoreo in terracotta posto sull’altare maggiore. Si spiegherebbe così la duplice lettura, da un lato le Storie della Vergine, dall’altro Morte e Resurrezione di Cristo da leggersi affiancate a due a due (macchina d’altare chiusa durante la settimana e aperta durante le celebrazioni).

La scoperta è stata presentata nel corso di una conferenza in streaming organizzata dal Mibact a cui erano presenti Enrica Pagella, direttrice regionale Musei Piemonte, Valentina Barberis, direttrice dell’Abbazia di Vezzolano, Roberta Bianchi, responsabile del Laboratorio di restauro della Direzione regionale Musei Piemonte e Maurizio Pistone, presidente dell’Associazione la Cabalesta. Per il completamento del restauro che consentirà di restituire le tavole alla fruizione collettiva è stata infatti promossa una raccolta fondi; per contribuire si può effettuare un bonifico su c/c bancario intestato ad Associazione la Cabalesta di Castelnuovo don Bosco., causale “opere da salvare”, Banca Intesa San Paolo, IBAN IT11N0306909606100000111950.

Info per la raccolta fondi: Associazione La Cabalesta, e-mail info@lacabalesta.it, tel. 011 9872463

About Paola Stroppiana

Paola Stroppiana
Paola Stroppiana (Torino, 1974) è storica dell’arte, curatrice d’arte indipendente e organizzatrice di eventi. Si è laureata con lode in Storia dell’Arte Medioevale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino, città dove ha gestito per più di dieci anni una galleria d'arte contemporanea. Collabora con diverse testate per cui scrive di arte e cultura. Si interessa a nuovi percorsi d’indagine come il gioiello d’artista e le ultime tendenze del collezionismo contemporaneo, argomenti sui quali ha tenuto conferenze presso l’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, Il Museo Civico di Arte Antica e la Pinacoteca Agnelli di Torino, il Politecnico di Milano.

C'è anche questo...

Pietro Chiesa

La Sant’Agostino Casa d’Aste Torino presenta le aste di primavera.

Si parte il 12 aprile con un’asta dedicata interamente all’illuminazione. Si prosegue il 13 e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi