mercoledì , 22 settembre 2021
Home / Video / Reportage / Mostre / Quartz Studio: Astrid Svangren e l’esperienza del colore.

Quartz Studio: Astrid Svangren e l’esperienza del colore.

Astrid Svangren, veduta d'installazione, Quartz Studio, Torino, ph. Beppe Giardino

È versatile lo spazio di Quartz Studio, accogliente, sfidante. Questa volta, fino al 23 marzo, ospita lei tesse vicino alla bocca / vedo ciò che mangio / mangio ciò che vedo / mangiare è un pò rischiare, la prima mostra personale in Italia dell’artista svedese Astrid Svangren (Göteborg, Svezia, 1972).

Astrid Svangren, veduta d’installazione, Quartz Studio, Torino, ph. Beppe Giardino

Il progetto site-specific, a cura di Nina Wöhlk, presenta il colore come elemento fondamentale nella ricerca dell’artista. Attraverso il rosso Astrid amplifica significati e forme paralinguistiche declinandole al femminile: la passione, l’amore, il sangue che dà la vita, il fuoco primordiale.
Il visitatore entra in un ambiente immaginifico dove, con apparente casualità, si ergono volumi scultorei realizzati con stoffa, vetroresina e oggetti trovati. Una stufa, un arcolaio, uno specchio a parete evocano il focolare domestico, dal sentire femmineo. “Attraverso l’esperienza” – sostiene l’artista – “questi elementi rimandano a ricordi, sensazioni, pensieri differenti, personali, che in mostra possono essere condivisi a livello percettivo ed emotivo”.

Astrid Svangren, Quartz Studio, Torino, particolare, ph. Beppe Giardino

Nello spazio privo di presenza umana Astrid ha creato un racconto, un linguaggio dettato dal gesto pittorico e dal colore, che magicamente prende vita: tutto è animato da un’energia interiore che ciascun fruitore coglie attraverso la propria immaginazione.
Ai ganci a parete sono appesi i ricordi. La scena è senza tempo. Lo specchio costituisce un punto di fuga per raggiungere nuove dimensioni spazio-temporali, in un alternarsi di sogno e realtà che solo la favola restituisce.
Quattro sono le istanze sulle quali l’artista fonda il suo progetto: l’arte della tessitura, il cibo, la passione e il sogno. Elementi che attraverso la vitalità del colore descrivono la storia di un personaggio femminile che con forza e poesia conduce il suo vivere.

Astrid Svangren, veduta d’installazione, Quartz Studio, Torino, ph. Beppe Giardino

«Davanti a noi si dispiega una storia, un evento in rosso, e l’incantesimo di cui facciamo esperienza è quello di un copione culinario». – scrive Wöhlk – «Accesa da Svangren, l’immaginazione si anima proprio come “magicamente” si anima la vita biologica, la scena rosso-fucsia della sua opera. […] La mostra produce il sapore pungente e ingenuo della tradizione orale […] Mangiare è erotico, un gesto seduttivo […] Intessere racconti, cucinare e raccontare storie sono la produzione di un personaggio femminile».

L’indagine dell’artista non può prescindere dall’interazione con lo spettatore: l’opera assume senso e significato solo se vissuta, esperita, sentita.
Svangren ci invita ad entrare nel suo intimo rifugio, quello che ha saputo costituire con sentimento e perizia durante la sua residenza a Torino, città che l’ha accolta e ispirata nel suo vivere quotidiano fatto di arte, sensualità, ritmo e colore.

Il progetto è stato sostenuto dal Danish Arts Council e dall’Ambasciata di Danimarca a Roma.

 

 

QUARTZ STUDIO
Via Giulia di Barolo, 18/D
10124 Torino
info@quartzstudio.net
www.quartzstudio.netnike air max 1 sale

About Elena Inchingolo

Elena Inchingolo
Elena Inchingolo (Torino, 1976) è storica dell'arte, curatrice e archivista d’arte contemporanea. Laureata in Storia dell'Arte Contemporanea presso l'Università degli Studi di Torino, città dove vive e lavora, è stata coordinatrice del progetto di ricerca e sviluppo degli Archivi della Collezione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e ha gestito una galleria d’arte contemporanea in Torino, come responsabile della curatela e dell’allestimento di progetti espositivi e fieristici in Italia e all’estero. Si dedica all’ideazione e alla curatela di proposte espositive d’arte contemporanea per istituzioni e gallerie. Collabora con diverse testate giornalistiche scrivendo di arte, cultura e design. Si interessa di conservazione e catalogazione del patrimonio storico-artistico contemporaneo e, nell’estate 2017, è stata selezionata per partecipare al primo Workshop per Archivisti d’Arte Contemporanea attivato dal CRRI - Castello di Rivoli Research Institute.

C'è anche questo...

Museo Napoleonico. “Napoleone ultimo atto. L’esilio, la morte, la memoria”

La mostra Napoleone ultimo atto. L’esilio, la morte, la memoria al Museo Napoleonico fino al 9 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi