domenica , 25 agosto 2019
Home / Video / Reportage / Mostre / Quartz Studio: Astrid Svangren e l’esperienza del colore.

Quartz Studio: Astrid Svangren e l’esperienza del colore.

Astrid Svangren, veduta d'installazione, Quartz Studio, Torino, ph. Beppe Giardino

È versatile lo spazio di Quartz Studio, accogliente, sfidante. Questa volta, fino al 23 marzo, ospita lei tesse vicino alla bocca / vedo ciò che mangio / mangio ciò che vedo / mangiare è un pò rischiare, la prima mostra personale in Italia dell’artista svedese Astrid Svangren (Göteborg, Svezia, 1972).

Astrid Svangren, veduta d’installazione, Quartz Studio, Torino, ph. Beppe Giardino

Il progetto site-specific, a cura di Nina Wöhlk, presenta il colore come elemento fondamentale nella ricerca dell’artista. Attraverso il rosso Astrid amplifica significati e forme paralinguistiche declinandole al femminile: la passione, l’amore, il sangue che dà la vita, il fuoco primordiale.
Il visitatore entra in un ambiente immaginifico dove, con apparente casualità, si ergono volumi scultorei realizzati con stoffa, vetroresina e oggetti trovati. Una stufa, un arcolaio, uno specchio a parete evocano il focolare domestico, dal sentire femmineo. “Attraverso l’esperienza” – sostiene l’artista – “questi elementi rimandano a ricordi, sensazioni, pensieri differenti, personali, che in mostra possono essere condivisi a livello percettivo ed emotivo”.

Astrid Svangren, Quartz Studio, Torino, particolare, ph. Beppe Giardino

Nello spazio privo di presenza umana Astrid ha creato un racconto, un linguaggio dettato dal gesto pittorico e dal colore, che magicamente prende vita: tutto è animato da un’energia interiore che ciascun fruitore coglie attraverso la propria immaginazione.
Ai ganci a parete sono appesi i ricordi. La scena è senza tempo. Lo specchio costituisce un punto di fuga per raggiungere nuove dimensioni spazio-temporali, in un alternarsi di sogno e realtà che solo la favola restituisce.
Quattro sono le istanze sulle quali l’artista fonda il suo progetto: l’arte della tessitura, il cibo, la passione e il sogno. Elementi che attraverso la vitalità del colore descrivono la storia di un personaggio femminile che con forza e poesia conduce il suo vivere.

Astrid Svangren, veduta d’installazione, Quartz Studio, Torino, ph. Beppe Giardino

«Davanti a noi si dispiega una storia, un evento in rosso, e l’incantesimo di cui facciamo esperienza è quello di un copione culinario». – scrive Wöhlk – «Accesa da Svangren, l’immaginazione si anima proprio come “magicamente” si anima la vita biologica, la scena rosso-fucsia della sua opera. […] La mostra produce il sapore pungente e ingenuo della tradizione orale […] Mangiare è erotico, un gesto seduttivo […] Intessere racconti, cucinare e raccontare storie sono la produzione di un personaggio femminile».

L’indagine dell’artista non può prescindere dall’interazione con lo spettatore: l’opera assume senso e significato solo se vissuta, esperita, sentita.
Svangren ci invita ad entrare nel suo intimo rifugio, quello che ha saputo costituire con sentimento e perizia durante la sua residenza a Torino, città che l’ha accolta e ispirata nel suo vivere quotidiano fatto di arte, sensualità, ritmo e colore.

Il progetto è stato sostenuto dal Danish Arts Council e dall’Ambasciata di Danimarca a Roma.

 

 

QUARTZ STUDIO
Via Giulia di Barolo, 18/D
10124 Torino
info@quartzstudio.net
www.quartzstudio.netnike air max 1 sale

About Elena Inchingolo

Elena Inchingolo
Elena Inchingolo (Torino, 1976) è storica dell'arte, curatrice e archivista d’arte contemporanea. Laureata in Storia dell'Arte Contemporanea presso l'Università degli Studi di Torino, città dove vive e lavora, è stata coordinatrice del progetto di ricerca e sviluppo degli Archivi della Collezione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e ha gestito una galleria d’arte contemporanea in Torino, come responsabile della curatela e dell’allestimento di progetti espositivi e fieristici in Italia e all’estero. Si dedica all’ideazione e alla curatela di proposte espositive d’arte contemporanea per istituzioni e gallerie. Collabora con diverse testate giornalistiche scrivendo di arte, cultura e design. Si interessa di conservazione e catalogazione del patrimonio storico-artistico contemporaneo e, nell’estate 2017, è stata selezionata per partecipare al primo Workshop per Archivisti d’Arte Contemporanea attivato dal CRRI - Castello di Rivoli Research Institute.

C'è anche questo...

“FOOD: Bigger than the Plate” al Victoria & Albert Museum

Al V&A Museum di Londra, fino al 20 ottobre 2019, “FOOD: Bigger than the Plate”, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi