mercoledì , 19 giugno 2019
Home / Video / Reportage / Mostre / Modigliani VR: alla scoperta dello studio ocra
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Modigliani VR: alla scoperta dello studio ocra

Realtà aumentata alla Tate Modern per respirare l’arte di Amedeo Modigliani

Fino al 2 aprile, nell’ambito della mostra dedicata ad Amedeo Modigliani allestita alla Tate Modern di Londra, è possibile vivere anche un’esperienza di realtà aumentata, per scoprire l’atelier parigino dell’artista.

Modigliani VR: lo studio ocra” propone infatti una ricostruzione dell’ultimo studio dell’artista livornese, situato a Parigi, dove tornò nel 1919 dopo un periodo nel sud del paese e visse nel periodo finale della sua vita.

La guerra era finita, la sua salute migliorata. Il suo mercante d’arte, Léopold Zborowski, trovò per Modigliani e la compagna Jeanne Hébuterne uno spazio che potesse fungere da studio e abitazione in rue de la Grand Chaumière, vicino ai caffè e al fermento di Montparnasse.

Modigliani VR- The Ochre Atelier. @Preloaded

Lo studio in questione – detto anche studio ocra – esiste ancora, ma a quasi 100 anni dalla morte di Modigliani (avvenuta per meningite tubercolare il 24 gennaio 1920) il suo aspetto è vistosamente cambiato.

Lo spazio attuale è stato però utilizzato come modello, e insieme a testimonianze di prima mano e risultati di ricerche storiche e tecniche ha contribuito alla realizzazione del progetto della Tate Modern, che include la ricostruzione in realtà aumentata di sessanta tra oggetti, opere d’arte e materiali.

Modigliani VR- The Ochre Atelier. @Preloaded

Grazie a Modigliani VR è possibile vivere in prima persona l’ambente in cui lavorò e visse l’artista. Ogni oggetto incluso nell’esperienza – le scatole di sardine, i pacchetti di sigarette, persino il modo con cui le finestre si aprono per far filtrare la luce del sole – è stato studiato in modo accurato, validato da storici dell’arte e modellato dal team di Preloaded.

Grazie alla collaborazione con il Museu de Arte Contemporanea de Universidade de São Paulo, in Brasile, e il Metropolitan Museum of Art di New York, è stato possibile anche ricostruire due dei dipinti più importanti di Modigliani, Self-Portrait (Autoritratto, 1919) e Jeanne Hébuterne (1919), dalle increspature della tela fino alle pennellate che l’artista deve avere usato, per includerle nell’esperienza virtuale.air max 90 essential sale

About Roberta Turillazzi

Roberta Turillazzi
Giornalista per passione e professione dal 2015. Mamma e moglie giramondo, che attualmente vive a Londra. Lettrice a tempo pieno. Amo l'arte, il cinema, i libri e il calcio.

C'è anche questo...

L’Arte Informale Internazionale al Castello di Miradolo

Un appuntamento da non perdere: fino al 14 luglio, al Castello di Miradolo, la mostra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi