lunedì , 17 giugno 2019
Home / Video / Reportage / Mostre / Milano, NONOSTANTE MARRAS | LUCIA PESCADOR.

Milano, NONOSTANTE MARRAS | LUCIA PESCADOR.

L'Abito da Lavoro di Lucia Pescador

Mercoledì 29 maggio 2019, alle ore 19.00, inaugura negli spazi di Nonostante Marras la mostra Lucia Pescador. Quando si allarga l’aria: erbari e altre storie, a cura di Francesca Alfano Miglietti.

In mostra un centinaio di disegni che compongono multiformi installazioni.

LUCIA PESCADOR, Il giardino dei semplici blu

La sua ricerca, in continuo movimento ed in continua evoluzione, ferma nell’istante prima della loro fine immagini di alberi, fiori, paesaggi, vasi, uccelli, ma anche abiti, ventagli, piatti, valigie, piccole scatole e tazze da thè. Pagine strappate e rimesse insieme, pellicole fotografiche, vecchie pagine di archivi, vengono utilizzati da Lucia Pescador per riscrivere e risignificare il mondo degli elementi e delle storie, attraverso il disegno e la calligrafia minuta.

Ogni sezione della mostra è una “tappa”, un’epifania, uno scorcio: uno spazio ideale, nel quale trovano posto le opere pensate come reperti di esistenze che hanno scelto la precarietà.

I temi che affronta Lucia Pescador sono di carattere universale: la natura, la storia, la memoria, il tempo, il senso della caducità delle cose. Si appassiona al disegno e si lascia affascinare e stupire dalla contemporanea presenza della solitudine di fronte ad un soggetto, sia esso un luogo o un individuo o un fiore, e questa dimensione poetica è sempre espressa dalle sue opere, una bellezza che ci viene incontro, e ci conduce in un luogo di ricordi personali e di altre coincidenze, oniriche, intime, sentimentali, che creano un tipo di memoria intermedia e poetica.

La bellezza viene declinata dall’artista in una calligrafia in cui paesaggio, cielo, movimento, alberi, fiori, foglie, erba, uccelli riescono a sollecitare lo spettatore, attivando sensazioni ed emozioni profonde che dal molteplice riportano all’unitarietà e viceversa.

Lucia Pescador in mostra a Torino

Lucia Pescador nasce a Voghera e si diploma all’Accademia di Brera, nel cui Liceo Artistico poi inse­gnerà. La sua prima mostra risale al 1965, negli spazi della Galleria “Arte Centro” di Milano (oggi Lattuada Studio) con la quale collabora tuttora. Nel 1992, la mostra “Una nave per Kazimir”, curata da Lea Vergine, al Refettorio delle Stelline i Milano, le consente di presentare il discorso artistico sviluppato nell’ultimo decennio.

Negli anni Novanta inizia la raccolta di immagini, tuttora in corso, per l’“Inventario del Novecento con la mano sinistra”, un lavoro di catalogazione per voci sull’arte e la cultura di un secolo, che è stato esposto in Italia e all’estero. Espone a Milano, Amsterdam, Accademia d’Egitto a Roma, a Trieste, fino a che nel 1998 espone all’Istituto Italiano di Cultura e alla Ramba Gallery di Los Angeles. Nel 2000 è a New York con la mostra “Enigmistica: Vasi, Brocche e Nature” alla Swan Gallery. Nello stesso anno la troviamo al Centre Rops di Bruxelles con la mostra “Atelier Siegliz”, e al Lattuada Studio con “Africa”. “Cambia il tempo” è la mostra allestita nelle stanze dell’Abbazia degli Olivetani a Rodenigo Saiano, curata da Martina Corgnati e Roberto Bianchi, che vede raccolte gran parte delle opere dell’Inventario di fine secolo.

Nel 2003, alla Galleria Corraini di Mantova, viene proposto un allestimento, su pannelli di quindici metri di lunghezza, con il titolo “Nero Giappone e Giallo Cina”. Continuano le mostre in Italia e nel 2006 la mostra “Ambulanti tra Occidente e Oriente “ approda alla Galleria Camalanayan Bajai Art di Monbay, prose­guendo l’anno successivo a Shangai nell’Artour-o in Expocasa. “Hotel Meublè-Berlin” viene esposto alla galleria Exmà di Cagliari e nel 2007 allo Stand Museum di Sieburg. Nel 2010 espone nella sala napoleonica di Palazzo Te, a Mantova il progetto “Wundernachtkammer”, che verrà poi riproposto a Ivrea e Cantù. Seguono moltissime mostre tra cui le personali al MAGA di Gallarate, allo Spazio Oberdan e alla Triennale di Milano, allo spazio Nonostante Marras a cura di Fran­cesca Alfano Miglietti, alla galleria Raffaella Nobili a cura di Matteo Galbiati e infine, nel 2018, alla Galleria Cristina Moregola di Busto Arsizio.

L’Abito da Lavoro di Lucia Pescador

SCHEDA INFORMATIVA:

Mostra: Quando si allarga l’aria: erbari e altre storie, di Lucia Pescador. A cura di Francesca Alfano Miglietti

Sede: NONOSTANTE MARRAS, via Cola di Rienzo 8, 20144 Milano

Inaugurazione: mercoledì 29 maggio, ore 19.00

Apertura al pubblico: 29 maggio – 30 luglio 2019

Orari: dal lunedì al sabato 10.00-19.00 | domenica 12.00-19.00

Info: tel.: 02 76280991 – mail: bottega@antoniomarras.it

Sito: www.antoniomarras.com

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

L’Arte Informale Internazionale al Castello di Miradolo

Un appuntamento da non perdere: fino al 14 luglio, al Castello di Miradolo, la mostra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi