sabato , 22 gennaio 2022
Home / News / Michelangelo Castagnotto. Elettroforma

Michelangelo Castagnotto. Elettroforma

Michelangelo Castagnotto, Elettroforma, 2014, Gagliardi Art System
Michelangelo Castagnotto, Elettroforma, 2014, Gagliardi Art System

Michelangelo Castagnotto, Elettroforma, presentata alla collettiva “inediti2”, Settembre – Ottobre 2014, Gagliardi Art System

Canale Arte incontra Michelangelo Castagnotto, autore di Elettroforma, macchina con funzioni estetiche recentemente presentata presso Gas – Gagliardi Art System. L’artista ci racconta invenzione e funzionamento del rituale di accesso semantico all’opera…

Ivan Fassio: La tua più recente creazione, “Elettroforma”, è stata presentata in anteprima alla galleria Gagliardi Art System di Torino a settembre 2014. Di che cosa si tratta?

Michelangelo Castagnotto: Elettroforma è una macchina a trascinamento meccanico azionata da due motori elettrici a controllo elettronico, in grado di svolgere e riavvolgere nastri di pittura su tela di 8 m di lunghezza per 33 cm in altezza, inseriti in cartucce intercambiabili; è attivata mediante impulsi elettrici da una scatola comandi esterna, facilmente manovrabile dall’utente.
L’accesso all’opera è stato ottimizzato in favore della semplicità e della facilità di utilizzo, in modo da rendere le funzioni di Elettroforma analoghe a quelle di un elettrodomestico.
Il ciclo di impiego è ergonomico. I comandi sono intuitivi. L’utente non deve fare altro che:
– inserire la spina
– girare la chiave di accensione
– selezionare una direzione di scorrimento delle immagini, potendo fermare e invertire il programma a piacimento premendo gli appositi tasti.
A fine corsa il sistema esegue un arresto dolce automatico in modo da evitare strappi e sganciamento del rullo se l’utente non interviene.
Elettroforma può essere fornita nelle due versioni, da parete o da pavimento, ciascuna completa di una serie di tre cartucce di pittura, di dimensioni standard.

I.F.: Sei un artista che crea “Macchine”. Queste, in quanto opere d’arte, non hanno funzioni utilitarie, ma estetiche. Quali sono i contenuti stilistici delle tue Macchine?

Michelangelo Castagnotto: Non si tratta di una parodia dadaista, di bricolage o riutilizzo; non evocano qualità estetiche che si suppongono preesistenti nei materiali; non si tratta neanche di macchine di uso comune esposte in galleria per creare sconcerto ai borghesi.
Elettroforma è l’invenzione di un rituale di accesso semantico all’opera. Un po’ come se, inventando la lavatrice , si debba inventare anche per la prima volta che la gente debba indossare indumenti puliti.

I.F.: Allora chi la compra può usare Elettroforma in casa sua per un uso domestico?

Michelangelo Castagnotto: La risposta è senz’altro sì! Elettroforma può funzionare come una lavatrice del linguaggio che usiamo tutti i giorni; può ricordare che il ruolo dell’arte è proprio quello di ripulire il linguaggio dalle incrostazioni del buon senso per restituircelo ripulito da luoghi comuni e perbenismi.

Michelangelo Castagnotto
Elettroforma
presentata alla collettiva “inediti2”
Settembre – Ottobre 2014
Gagliardi Art System
http://www.michelangelocastagnotto.com/
http://www.gasart.it/

nike air max 1 sale

About Ivan Fassio

Ivan Fassio
Poeta, scrittore, curatore d'arte contemporanea.

C'è anche questo...

L’ospite illustre raddoppia con due preziosi Cima da Conegliano al Grattacielo Intesa San Paolo

Due splendidi dipinti di Cima da Conegliano accolgono i visitatori al Grattacielo Intesa Sanpaolo sino …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi