mercoledì , 20 novembre 2019
Home / Video / Reportage / Mostre / Marco Strappato. Au-delà

Marco Strappato. Au-delà

The Gallery Apart‎: Marco Strappato | Au-delà

The Gallery Apart presenta Au-delà, la quarta personale in galleria di Marco Strappato (1982).

The Gallery Apart‎: Marco Strappato | Au-delà

Da tempo impegnato in una ricerca sull’immagine di paesaggio declinata attraverso multiformi approcci, modalità e mezzi, Strappato ne asseconda gli sviluppi facendo coincidere il percorso artistico con quello esistenziale, caratterizzato da una certa tendenza al nomadismo che paradossalmente lo ha condotto a recuperare le sue radici di uomo ed artista nato e cresciuto in riva al mare.

Au-delà è già un titolo che evoca un andare oltre le esperienze vissute per riaffermare un’architettura spirituale intima. Non a caso per la prima volta Strappato espone un autoritratto, per di più sotto forma di dipinto: pittura e silhouette, niente di più lontano dalla falsa epopea del selfie e di Instagram, piuttosto l’emblema dell’approfondimento e della ricerca del sé per arrivare all’essenziale attraverso processi di selezione, di livellamento e di occultamento.

Marco Strappato in mostra a Roma

La selezione riguarda anzitutto il paesaggio che per l’artista, pure abituato alla dimensione metropolitana, torna prepotentemente ad assumere il profumo, l’atmosfera e le suggestioni del mare. E si manifesta per il tramite di alcune figure emblematiche del recente passato della storia dell’arte italiana (Ghirri, Fontana, Bonalumi, Manzoni) di cui Strappato asseconda il potenziale evocativo attraverso un’operazione che non intende essere un omaggio né un’affermazione di discendenza o anche solo vicinanza artistica, quanto piuttosto un campionamento colto finalizzato a fornire un’interpretazione inedita dei possibili intrecci tra ricerche artistiche e rappresentazioni di paesaggi.

Dal punto di vista visuale, Au-delà si configura come una mostra pressoché monocromatica, con una preponderanza del bianco ad attestare un livellamento in linea con la ricerca di essenzialità; non una sterile uniformità bensì una chiarezza di fondo che diviene base per ogni possibile approfondimento. Il bianco quindi come una pagina da scrivere, come una tela preparata per dipingere, come elemento propedeutico per contenere i significati che l’artista assegna ai disegni, alle immagini e alle forme.

Strappato ha infine operato, all’opposto di quanto fatto in passato, mediante un processo di occultamento della tecnologia, che in realtà c’è ma non si vede così da restituire al concetto il ruolo di protagonista principale che gli compete.

Marco Strappato, Untitled (35-5), 2013 – collage (dittico) – cm 60×40 ciascuno – courtesy The Gallery Apart, Roma

The Gallery Apart

Via Francesco Negri 43, 00154 Roma

Giovedì 7 marzo 2019 dalle ore 18:00 alle 21:00

nike air max 1 sale

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

“Into the Night”: la mostra alla Barbican Art Gallery

Dal 4 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020 alla Barbican Art Gallery di Londra la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi