lunedì , 20 maggio 2019
  • Giò Minola. Sinfonia per segno – forma – colore, Fondazione Mudima Milano

  • Dragon n2 1971 - Dragon n1 1966 - Ipergrafia n4 1966

  • Ritratto di Tapié, 1970 Gio Minola – Paola Stroppiana

  • Hula Hoop 2002

  • IT n1 2006 - SpaceGirl 1999 - Up n1 2006

Home / News / Leggere l'Arte / Giò Minola. Sinfonia per segno – forma – colore

Giò Minola. Sinfonia per segno – forma – colore

Giò Minola, Presidente e Direttore creativo dell’agenzia pubblicitaria da lui fondata nel 1968 (Giò Minola Studio), è raccontato dal testo di Paola Stroppiana che ne illustra il percorso artistico e da una panoramica delle opere dal 1960 al 2018. Giò Minola. Sinfonia per segno – forma – colore va ad arricchire la collana della Fondazione Mudina dedicata agli amanti dell’arte. Una testimonianza di Giò Minola artista da sfogliare.

Calligrafo e pittore, legato al Gruppo dei Lettristi, a Milano ha esposto con gli informali. Nella sua lunga carriera artistica, è stato anche consulente della Triennale di Milano, del Museo di Arte Contemporanea di Torino e infine della Galleria d’Arte Contemporanea di Roma. “Gio Minola è stato un creativo di successo eppure la sua arte, quella che vediamo nei suoi quadri in catalogo, è rimasta pura. Ha mantenuto un’originalità che non è simile a nient’altro”. Paola Stroppiana

Giò Minola. Sinfonia per segno – forma – colore, Fondazione Mudima Milano

Nato in un contesto culturale che influenzerà tutta la sua vita artistica, il Torinese Gio Minola inizia a dipingere negli anni sessanta. Il suo stile pubblicitario come quello artistico derivano dalla passione per la scrittura e la calligrafia, in particolare la calligrafia barocca “a mano alzata” con pennino e china, che ha imparato sui libri del Seicento e del Settecento.  Nei primi lavori infatti la sua tecnica parte da un grafismo esasperato, che si avvicina alla poetica dei lettristi francesi e ha riferimenti anche al Giappone. Il segno grafico è poi sempre più contaminato con il colore, fino a che il colore diventa dirompente. I suoi colori piatti ricordano Kandinskij e Mirò, la tecnica il dripping di Pollock e l’arte materica.

Window 2000 – Metamorphosis n2 2001

Il ritratto di Michel Tapié, riconoscibile dal sigaro da cui partono volute di fumo definite dal segno grafico, è un manifesto dell’arte di Giò Minola e allo stesso tempo un omaggio al grande critico francese a cui deve molto. Giò Minola conosce Michel Tapié alla fine degli anni Cinquanta. E’ Tapié a portare a Torino l’arte informale con grandi mostre, lui a fondare nel 1960 l’International Center of Aesthetic (ICAR), galleria d’arte contemporanea e centro culturale attivo fino al 1977. Per il Centro l’artista segue le pubblicazioni, i manifesti programmatici e le monografie degli artisti. Nell’organizzazione delle attività lavora anche Ada Minola. In questo luogo della cultura torinese Giò Minola conoscerà le opere di Jackson Pollock, il gruppo giapponese dei Gutai, i maestri  Insho Domoto e Sofu Teshigahara, Maurice Lemaître e Isidore Isou fondatore del Lettrismo.

 

Fondazione Mudima
www.mudima.netcheap nike air max 90

About Diana Cicognini

Diana Cicognini
Diana. Dea cacciatrice! Il mio territorio è Milano, la mia preda l'Arte ... che racconto, scrivo, disegno (dipingo) e metto in mostra. La mia Canon mi accompagna sempre per testimoniare la bellezza e là dove il mio obiettivo fotografico non arriva...un grazie dichiarato ad artisti, gallerie ed uffici stampa che mi concedono "uno scatto" per le mie parole.

C'è anche questo...

“La stanza segreta. Capolavori della figurazione contemporanea dalla Collezione Massimo Caggiano”

SGARBI CONTRO LA BIENNALE DI VENEZIA “LA VERA BIENNALE È LA STANZA SEGRETA A GUALDO …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi