sabato , 19 gennaio 2019
Home / Video / Reportage / Mostre / Jean-François Niceron a Palazzo Barberini 
Anamorphosis (oil on canvas) by Niceron, Jean Francois (1613-46) oil on canvas Palazzo Barberini, Rome, Italy French, out of copyright

Jean-François Niceron a Palazzo Barberini 

Martedì 6 marzo inaugura a Palazzo Barberini la mostra Curiose riflessioni. Jean-François Niceron, le anamorfosi e la magia delle immagini, a cura di Maurizia Cicconi e Michele Di Monte.

çois Niceron, l
Invito a a Palazzo Barberini per la mostra “Curiose riflessioni. Jean-François Niceron, le anamorfosi e la magia delle immagini.”

L’esposizione, incentrata sulle opere dell’artista conservate al museo, si inserisce nel progetto di valorizzazione delle collezioni permanenti e in un programma di divulgazione didattica e scientifica che nel 2018 è dedicato ai rapporti tra Arte, Geometria e Matematica.

In mostra alcuni esemplari dei cosiddetti dipinti anamorfici, leggibili solo con una distorsione sapientemente ricercata attraverso particolari lenti e alcune opere didascaliche sulla magie artificielle, estremamente in voga nel Seicento.

Anamorphosis (oil on canvas) by Niceron, Jean Francois (1613-46)
oil on canvas
Palazzo Barberini, Rome, Italy

Jean-François Niceron (1613 – 1646) è stato uno scienziato francese.

Jean-François Niceron, nativo di Parigi, fu professore di matematica nel convento dei Minimi a Roma (Trinità dei Monti). I suoi interessi per la filosofia naturale si concentrarono in modo particolare sui problemi relativi all’ottica geometrica e alla prospettiva, ai quali dedicò un’opera fortunata (La perspective curieuse ou Magie artificielle des effets merveilleux, Parigi, 1638). Trascorse buona parte della vita a Roma, contribuendo a diffondere in Italia le opere dei principali matematici francesi contemporanei.

Jean-François Niceron

Il volume Prospettiva, catottrica e magia artificiale affronta, per la prima volta in ambito scientifico mondiale, l’opera prospettica ed artistica del Padre minimo Jean François Niceron (1613-1646), la cui vita si espresse in un arco temporale assai breve – solo 33 anni –, ma denso di eventi politici e culturali, riflessi in opere che si offrono oggi agli occhi dell’osservatore contemporaneo come straordinarie sciarade, in bilico tra rigore matematico e gusto per il meraviglioso e lo stupefacente. Autore di due trattati (il secondo dei quali edito postumo) che sono divenuti pietre miliari negli studi sulla prospettiva seicentesca – La perspective curieuse (Parigi 1638) e il Thaumaturgus opticus (Parigi 1646) –, Niceron sviluppò sin da giovanissimo un suo mondo espressivo che si tradusse in opere dai forti connotati decettivi: anamorfosi catottriche, giochi rifrattivi e dipinti murari accelerati prospetticamente, per citarne solo alcune tipologie.

La biografia dell’autore delinea una vita, sospesa tra Francia e Italia, impegnata sia nei dibattiti che si svilupparono nei più importanti circoli culturali e scientifici dei due paesi, che nelle incombenze teologiche e religiose previste dal suo Ordine religioso di afferenza. L’autore fu affascinato per tutta la sua esistenza dall’idea che nella natura si nascondesse un codice segreto divino di cui la matematica, e in primis l’ottica, potevano farsi interpreti, elaborando un lessico espressivo che attraverso la magia artificiale ne riproducesse la segreta natura configurativa, le leggi formanti del suo farsi e del suo divenire. Il suo percorso gnoseologico attraversò i sentieri del pensiero cartesiano e hobbesiano, le sue opere spesso divenendo uno specchio fedele di coeve posizioni filosofiche, pur tuttavia conservando una loro autonomia stilistica, sia nei contenuti che nella forma.

Jean François Niceron: Optical Distortions
Jean François Niceron: Optical Distortions

Curiose riflessioni. Jean-François Niceron, le anamorfosi e la magia delle immagini

a cura di Maurizia Cicconi e Michele Di Monte

martedì 6 marzo 2018, ore 11.00       

Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma – Palazzo Barberini
Roma, via delle Quattro Fontane 13

Saranno presenti:
Flaminia Gennari Santori, Direttore delle Gallerie Nazionali di Arte Antica, Maurizia Cicconi e Michele Di Monte, curatori della mostra.

Per maggiori info: http://www.barberinicorsini.org

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

Silvia Beccaria, Unfildivoce, 2018

Pane Nero per la cura di Patrizia Bonardi al BACS di Leffe

La mostra Pane Nero al BACS di Leffe (BG), curata dall’artista Patrizia Bonardi in collaborazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi