sabato , 19 gennaio 2019
Home / Video / Reportage / Mostre / GORDON MATTA-CLARK – La raccolta Berg

GORDON MATTA-CLARK – La raccolta Berg

Venerdì 14 dicembre 2018 si terrà all’Accademia Nazionale di San Luca l’anteprima della mostra “Collecting Matta-Clark. La raccolta Berg. Opere, documenti e ephemera”.

Harry Gruyaert Gordon Matta-Clark and Gerry Hovagimyan working on Conical Intersect. Rue Beaubourg

Un doppio omaggio indirizzato all’artista americano Gordon Matta-Clark (New York 1943 – 1978) e alla figura del collezionista Harold Berg, cileno apolide di stanza a Barcellona, che ha raccolto in più di dieci anni di appassionate ricerche i lavori dell’artista.

La mostra, frutto della collaborazione tra Harold Berg, Federico De Melis e Gianni Dessì, è un percorso che attraversa l’intero arco creativo di Gordon Matta-Clark e che presenta opere originali, disegni, fotografie vintage, cibachrome, filmati originali e un’ampia serie di documenti quali cataloghi, libri d’artista e articoli di giornale, le ephemera, appunto, tutto proveniente dalla collezione di Berg.

Bio Gordon Matta-Clark

Gordon Roberto Echaurren Matta, noto come Gordon Matta-Clark (New York, 22 giugno 1943 – New York, 27 agosto 1978), è stato un artista statunitense.

Gordon Matta-Clark, Conical Intersect , 1975. Stampa alla gelatina d’argento, trittico. Foto a sinistra: 49.2 x 49.8 cm, foto al centro: 58.7 x 40.6 cm, foto a destra: 49.8 x 33.7 cm. Courtesy The Estate of Gordon Matta-Clark e Marian Goodman Gallery

Nato a New York da due artisti, Anne Clark, americana, e Roberto Matta, cileno, studiò architettura presso la Cornell University di Ithaca. Nel 1969 Matta Clark fu invitato da Willoughby Sharp all’esibizione “Earth Art” per aiutare gli artisti partecipanti nell’esecuzione delle loro opere. In seguito Sharp lo spinse a trasferirsi a New York e lo introdusse così nella scena artistica della Grande Mela.

Nei primi anni ’70, entrato a far parte del gruppo dell’Anarchitettura (fusione di anarchy e architecture coniata da lui e da amici come Laurie Anderson, Richard Nonas e Lucio Pozzi), incominciò a creare tagli, bucature e fratture all’interno di oggetti tridimensionali messi a disposizione da vari musei. Nel frattempo applicò gli stessi tagli a solai, muri e intere case, creando una riflessione sul concetto di riempimento e di svuotamento dello spazio in architettura. Nel 1971, in alcuni terreni in prossimità del ponte di Brooklyn, durante una sua performance artistica arrostì un maiale e ne distribuì la carne ai presenti. Nello stesso anno aprì, con Carol Godden e Tina Girouard, Food, un ristorante gestito da artisti nel quartiere di SoHo, che diverrà un punto di riferimento per artisti e musicisti, tra cui Philip Glass. Nel 1973 Matta Clark abbandonò la gestione del ristorante.

Il 1974 è l’anno di Bingo, mentre il 1975 vede la partecipazione dell’artista alla Biennale di Parigi, nella quale presentò Conical Intersect, producendo un foro conico all’interno di due edifici nel quartier des Halles, che saranno demoliti per la costruzione del Centro Georges Pompidou. Segue una procace attività artistica, che vide la nascita di City Slivers e Day’s End (1975). Matta Clark morì a trentacinque anni il 27 agosto 1978 a causa di un tumore al pancreas. Nel 1985 si tenne la prima retrospettiva dell’artista, organizzata dal Museum of Contemporary Art di Chicago e proseguita per tutto il mondo in numerosi musei tra i quali lo Stedelijk Museum di Amsterdam, il Kunsthalle di Basilea.

Gordon Matta-Clark. Bronx Floors, 1973. Gelatin silver prints. Print: 11 x 13 7/8 inches, 27.9 x 35.2 cm
Photo: The Estate of Gordon Matta-Clark/Courtesy of the Estate of Gordon Matta-Clark and David Zwirner, New York/London

Collecting Matta-Clark

La raccolta Berg. Opere, documenti e ephemera

Accademia Nazionale di San Luca

Roma, piazza dell’Accademia di San Luca 77

Saranno presenti Harold Berg, Federico De Melis, Gianni Dessì

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

Silvia Beccaria, Unfildivoce, 2018

Pane Nero per la cura di Patrizia Bonardi al BACS di Leffe

La mostra Pane Nero al BACS di Leffe (BG), curata dall’artista Patrizia Bonardi in collaborazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi