sabato , 17 agosto 2019
Home / News / Gigi Chessa. Innovativo Ricercatore di Impressioni

Gigi Chessa. Innovativo Ricercatore di Impressioni

Gigi Chessa, Interno
Gigi Chessa, Interno

Colorista raffinato, moderno interprete dell’impressionismo, Gigi Chessa è stato spesso presente nelle rassegne nazionali di più alto livello. Architetto-decoratore, scenografo, sensibile pittore di paesaggi e nature morte, lega la propria notorietà ai “sei pittori di Torino”: movimento di gusto, internazionalmente aperto all’influenza straniera. Canale Arte inaugura, proprio con un testo biografico e critico su Chessa, una serie di approfondimenti su artisti torinesi.

Nato a Torino nel 1898 da Carlo, litografo e pittore, e da Lucia Carelli, pittrice, vive gli anni dell’infanzia a Parigi. Dal 1909 risiede a Torino, dove frequenta tra il 1914 e il 1918 l’Accademia Albertina e, per un anno, lo studio del pittore Agostino Bosia. In seguito è attratto da Felice Carena, marito di sua sorella Maria e da Felice Casorati. Con Casorati, Carena e Bosia espone per la prima volta a Torino nel 1918.

Gigi Chessa, Nudo femminile
Gigi Chessa, Nudo femminile

Colorista raffinato, moderno interprete dell’impressionismo, è stato un protagonista delle vicende artistiche italiane del Novecento, tanto da essere spesso presente nelle rassegne nazionali: dalla mostra “I Sei di Torino, 1929-1932” alla Galleria Civica di Torino nel 1965 all’esposizione “Arte Moderna in Italia, 1915-1935” nel 1967 a Firenze. Sue opere si trovano nella Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, nelle Gallerie Civiche di Torino, Firenze, Milano e Terni, nello Stedelijk Museum di Amsterdam, nel Museo d’arte moderna di Mosca e in numerose collezioni private.

Architetto-decoratore e scenografo, nel 1925 Chessa restaura il vecchio teatro Scribe, che prende il nome di Teatro di Torino (poi distrutto nel corso di un bombardamento nel 1942).

Gigi Chessa, Mezzogiorno
Gigi Chessa, Mezzogiorno (Meriggio)

Sensibile pittore di paesaggi, nudi e nature morte, lega la propria notorietà ai “sei pittori di Torino” con Jessie Boswell, Nicola Galante, Carlo Levi, Francesco Menzio ed Enrico Paulucci. Movimento di gusto, in opposizione alla proclamata romanità dei novecentisti e al corporativismo ostile all’influenza straniera, questo gruppo si riconosce nelle comuni premesse culturali dell’arte moderna ed europea, in ciò appoggiato dall’attività critica di Lionello Venturi e Edoardo Persico.

Gigi Chessa, Nudo su Poltrona a Piccolo Punto
Gigi Chessa, Nudo su Poltrona a Piccolo Punto

Gravemente malato, non dirada il proprio lavoro, partecipando nel 1932 e nel 1935 alla mostra della Promotrice torinese e nel 1929 e, nel 1930 e 1932, alla Biennale di Venezia. Muore prematuramente nel 1935 a Torino dove, nello stesso anno, gli viene dedicata una retrospettiva presentata da Carlo Levi: l’anno seguente la Biennale di Venezia gli renderà omaggio.

 cheap nike free run 5.0

About Ivan Fassio

Ivan Fassio
Poeta, scrittore, curatore d'arte contemporanea.

C'è anche questo...

Intesa Sanpaolo sostiene a Oxford la mostra “Last Supper in Pompeii”

Intesa Sanpaolo sostiene la mostra “Last Supper in Pompeii” che apre al pubblico domani presso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi