martedì , 7 luglio 2020
Home / Video / Reportage / Mostre / Ecosex: al Macro la mostra italiana sull’ecosessualità

Ecosex: al Macro la mostra italiana sull’ecosessualità

Giuditta Sin

Ecosex, al Macro Asilo la mostra italiana sull’ecosessualità

Per la prima volta in Italia, con la curatela di Rossana Calbi, la performer e danzatrice Giuditta Sin presenta un lavoro sull’ecosessualità presso MACRO Asilo. Il corpo dedicato alla creazione dell’armonia ritrova la sua completezza nella natura.

Ecosex, al MACRO Asilo la mostra sull’ecosessualità

Il MACRO Asilo ospita dal 27 al 29 dicembre 2019, nella Stanza delle Parole, un luogo ameno in cui il floral artist, Alexandros Mars, disegnerà con le piante i momenti della rinascita di un corpo che può essere vivo solo nella comunicazione stretta con la natura.

Partendo da un lavoro fotografico in cui la sua persona diventa l’oggetto e il soggetto di immagini che raccontano un movimento che al mondo coinvolge oltre centomila persone.

Gli scatti, esposti per la prima volta al MACRO Asilo, spiegano un’attitudine e una pratica che l’artista, ha studiato per anni, e che sviluppa dalla terra in cui è cresciuta, la Calabria, per divulgare una filosofia di vita affrontata per la prima volta nel 2010 a San Francisco nell’Ecosex Symposium. In quasi vent’anni, il movimento si è fatto più corposo e volge sempre più a sradicare le barriere che ci sono tra l’essere umano e la natura considerandola non più come una madre o matrigna a cui rivoltarsi, ma un’amante di cui prendersi cura e con cui rappresentare la migliore parte di sé.

Giuditta Sin. L’eros dai capelli rossi

In Italia, nell’ecosistema che l’ha vista crescere e dopo negli spazi naturali limitrofi alla città in cui vive, Roma, Giuditta Sin dispiega un report della sua esperienza ecosessuale e offre un incontro multiartististico e multisensoriale al pubblico del MACRO Asilo.

Dal 27 al 29 dicembre, lei stessa si presenta come compagna e amante della natura illustrando come avvicinarsi a questa pratica usando il suo corpo, la sua arte e quella di altri artisti.

Immobile e ferma, a memoria del corpo che si ferma e tace tra i suoni ricreati da Simone Defilippis, rimane Ofelia, la scultura di Daria Palotti.
La carnalità della performance si affianca alla materia cristallizzata nella terracotta policroma dell’artista toscana. Sarà la natura, accompagnata dalle mani di Matteo Nesti, a entrarle dentro e renderla parte di sé in un amplesso continuo.

Foto di Alessandro Alberti, Marco Puleo, video di Mario Vigna.
Orari della performance 27 dicembre, h. 16.00 | 28 dicembre, h. 12.30 |29 dicembre, h. 15.30, chiusura h. 19.00
Ingresso libero

Giuditta Sin

Ecosex: al Macro la mostra italiana sull’ecosessualità | 27-29 dicembre 2019

  • DOVE
    Macro Asilo
     Via Nizza, 138
  • QUANDO
    Dal 27/12/2019 al 29/12/2019
  • PREZZO
    GRATIS

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

La collezione di arte contemporanea cinese di Uli Sigg al Castello di Rivoli

La mostra Facing the Collector: The Sigg Collection of Contemporary Art from China. Di fronte al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi