martedì , 7 luglio 2020
Home / Video / Reportage / Mostre / “Daniele Galliano. I poeti lavorano di notte”
Daniele Galliano, 2018, st, olio su tavola, cm 15x10

“Daniele Galliano. I poeti lavorano di notte”

Inaugurata allo spazio NONOSTANTE MARRAS la mostra Daniele Galliano. I poeti lavorano di notte, a cura di Francesca Alfano Miglietti.

Daniele Galliano, 2011, modella, olio su tela, cm 18×14

Artista tra i maggiori protagonisti dell’arte italiana contemporanea, è conosciuto e apprezzato da un pubblico più grande di quello degli addetti ai lavori. Il suo “realismo fotografico”, le sue immagini di luoghi e persone, hanno cominciato ben presto a farsi notare oltre i confini nazionali, consentendogli di partecipare ad importanti personali e collettive in Europa e negli Stati Uniti.

Daniele indaga il mondo di oggi con gli occhi di chi si accorge che dietro l’affastellamento delle apparenze si genera un vuoto di valori e conoscenza: i suoi ritratti, definiti icone nel senso etimologico di “immagini”, sono, come li descrive la curatrice Francesca Alfano Miglietti “corpi perfetti, corredati e accessoriati ma privati di occhi, bocche, privati della sfera emozionale, sensoriale e riproduttiva, una perfezione sterile e sterilizzata. Galliano dipinge delle icone alle quali è possibile riferire molte metafore concettuali visive, un orizzonte in cui per definire che cosa è o non è umano dobbiamo ricorrere alla mediazione di una serie di costrutti culturali ed è quindi impossibile affermare che esiste un’unica qualità essenziale in grado di tracciare una linea netta tra umanità e non-umanità”.

DANIELE GALLIANO, 2016, olio su carta, cm 33×24
DANIELE GALLIANO, 2016, olio su carta, cm33x24

In mostra una selezione di circa 50 opere tra cui olio su tela, olio su carta, collage, acquerelli, gouache su carta e fotografie che ripercorrono la carriera artistica di Daniele Galliano, con lavori di piccolo e medio formato che spaziano dagli anni Novanta ad oggi.

Nelle sue serie, tra cui We’re gonna have a real good time togetherEmpty head Constellation, si avvertono i paradossi e le tematiche antitetiche che permeano la società di oggi: così, nei quadri densi di una congerie di umanità si avverte la spersonalizzazione dell’io, che altrettanto fortemente rivendica la sua unicità e individualità quando lo spettatore osserva le opere per carpirne i confini, i limiti. Un universo di reale e non-reale, di visto e non-visto, di intuibile e allo stesso tempo insondabile: la mostra si presenta come un viaggio alla ricerca di un’unicità che difficilmente è apprezzabile nell’allucinazione collettiva dettata dai mass-media e social network.

Daniele Galliano, 2018, olio su tavola, cm 15×10
Daniele Galliano, 2018, Cate, acquerello su carta, cm 33×24

BIOGRAFIA:

Daniele Galliano nasce a Pinerolo nel 1961. Autodidatta di formazione, ha cominciato ad esporre a Torino, dove vive e lavora, all’inizio degli Anni 90, conquistandosi velocemente un posto di rilievo all’interno di quella nuova scena pittorica italiana che muove i suoi primi passi alla fine degli anni Ottanta. Nel 2006 partecipa alla Nona Biennale dell’Avana su invito di Antonio Zaya, nel 2009 alla 53a Biennale di Venezia e nel 2016 alla terza edizione della Biennale di Kochi-Muziris in Kerala. Ha esposto le sue opere in mostre personali nel 1996 e 1997 alla Galleria Annina Nosei (New York), nel 1992 e nel 1994 alla Galleria In Arco (Torino), e nel 1996 alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna (Roma). Ha partecipato a numerose mostre collettive alla Galleria d’Arte Moderna di Bologna, alla XII Quadriennale di Roma, alla Galleria Civica di Trento, al Museo Rupertinum di Salisburgo, al Magasin di Grenoble e al Palazzo delle Papesse a Siena.

Le sue opere sono incluse in alcune delle principali collezioni pubbliche e private, come la Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, il MART di Trento e Rovereto e la Collezione Unicredit Private Banking di Milano.
Numerose sono state in questi anni le collaborazioni con musicisti, registi e scrittori. Nel 2015 una monografia su questo lavoro è stata pubblicata da Skira.

Daniele Galliano, 2018, Berlino, acquerello su carta, cm 20×15

Daniele Galliano. I poeti lavorano di notte

a cura di Francesca Alfano Miglietti

Apertura mostra4 maggio – 3 giugno 2018

NONOSTANTE MARRAS
via Cola di Rienzo 8, Milano

Daniele Galliano, 2006, Brooklyn, tempera e olio su tela, cm 50×50

SCHEDA INFORMATIVA

Mostra: Daniele Galliano. I poeti lavorano di notte

Curatore: Francesca Alfano Miglietti

Sede: NONOSTANTE MARRAS, via Cola di Rienzo 8, 20144 Milano

Inaugurazione: mercoledì 3 maggio 2018 , ore 19.00

Durata mostra: 4 maggio – 3 giugno 2018

Info: tel.: 02 76280991 – mail: bottega@antoniomarras.it

Sito: www.antoniomarras.com

nike air max 1 sale

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

Con Sfida al Barocco alla Venaria riparte la stagione delle grandi mostre

Fino al 20 settembre sarà possibile visitare Sfida al Barocco Roma Torino Parigi 1680-1750, allestita …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi