lunedì , 20 maggio 2019
Home / News / Botanica della Poesia. Un Giardino di Parole a Torino

Botanica della Poesia. Un Giardino di Parole a Torino

Per una Botanica della Poesia
Per una Botanica della Poesia

Sabato 2 marzo, per Spazio Parentesi in Cavallerizza Irreale, via Verdi 9 a Torino, “Un Giardino di Parole. Per una Botanica della Poesia”. L’appuntamento è dalle 18 alle 21 nel Foyer di Manica Corta, con l’ideatore Sebastiano Adernò, la curatrice Cetty Di Forti.

Installazioni, esposizioni poetiche, cartoline liriche e letture di Davide Bava, Mirella Ciprea Crapanzano, Mihaela Iacob, Luca Atzori, Damiano Osella, Silvia Rosa, Valeria Bianchi Mian, Valentina Gallo, Greta Girolimetto, Gabriella Montanari, Davide Galipò, Concetta Cetty Di Forti, Enrico Marià, Sebastiano Adernò. Per una Botanica della Poesia… Canale Arte presenta una Nota di Intenti dell’ideatore.

Botanica, quindi Ecologia, mondo vegetale. Piante e fiori. Alberi, foglie, foreste. Carta di cellulosa, carta reciclata. Ambiente, vero, tangibile e sostenibile. Ecco i campi di interesse di questo Progetto che radica le sue motivazioni in un Concept quello del mondo botanico, erboristico medievale. Le piante e la loro azione fitoterapica che è stata alla base della Medicina Antica. Che poi tanto antica non è dato che ancora beviamo tè e tisane di alloro con scorza di limone per sgonfiare la ritenzione gastrica. Insegnamenti, medicine e ricette ma anche rose, margherite, papaveri e tulipani. Bulbi, radici, rami, foglie, tutte estensioni dello stesso principio cellulare. La stessa miccia che accende la parola ed il pensiero nel mondo con l’apporto del grano dell’Anatolia e lo sviluppo della Filosofia in Grecia. Noi siamo ciò di cui ci nutriamo disse un filosofo. Ed esistono vegani ortodossi, vegetariani per scelta. Diete a base di solo verdure. Gli insetti proteici dei nuovi mercati emergenti. Esiste una cultura del Food che fa sede e bella mostra al Fico di Bologna. Ed esiste un immaginario poetico, bucolico che prevede immagini, metafore, similitudini col mondo ambientale. Retorica botanica. Aulica e colta. Neruda scrive del Carciofo. Dante della Beata Rosa. Tasso delle mamme irsute delle caprette dell’Arcadia ambientate nella sua Campania Felix. Stiamo raccogliendo fondi e donazioni per realizzare un LiveTour del Progetto. L’idea è quella di installare le poesie dei quaranti Poeti nazionali coinvolti in alcune Città italiane. Milano, Roma, Benevento, Palermo e Modica. I soldi serviranno ad organizzare i transfert dei poeti partecipanti. Raggiungere questo fine, riuscendo quindi a veicolare questi scatti, risarcendo anche in piccolo e in maniera equa gli spostamenti dei Poeti che verranno a leggere i propri versi sarebbe un ottimo obiettivo e traguardo. Confidiamo perciò nel Vostro Amore per la Poesia. L’idea è quella di ambientare il LiveTour in Primavera inoltrata. Passando dal BezzeccaLab di Milano, una Villa con giardino ad Aprilia, una abitazione particolare con annesso vivaio e zoo a Benevento, l’Orto Botanico di Palermo in occasione di Una Marina di Libri, un vivaio attrezzato a ricevere ospiti nel Ragusano ed un Agriturismo nel Territorio di Noto. Vi ringraziamo anticipatamente per il Vostro contributo. W la Poesia. Anche quella botanica e bucolica. L’Ambiente ringrazia.

Per una Botanica della Poesia. Un Giardino di Parole
Per una Botanica della Poesia. Un Giardino di Parole
nike air max 1 sale

About Ivan Fassio

Ivan Fassio
Poeta, scrittore, curatore d'arte contemporanea.

C'è anche questo...

“La stanza segreta. Capolavori della figurazione contemporanea dalla Collezione Massimo Caggiano”

SGARBI CONTRO LA BIENNALE DI VENEZIA “LA VERA BIENNALE È LA STANZA SEGRETA A GUALDO …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi