mercoledì , 21 novembre 2018
Home / Video / Reportage / Mostre / In 200.000 per Claude Monet. Mostra prorogata fino al 3 giugno
Claude Monet (1840-1926), Londres. Le Parlement. Reflets sur la Tamise, 1905. Huile sur toile, 81x92 cm
Claude Monet (1840-1926), Londres. Le Parlement. Reflets sur la Tamise, 1905. Huile sur toile, 81x92 cm Monet, Claude (1840-1926) MUSEE MARMOTTAN MONET, PARIS, ,

In 200.000 per Claude Monet. Mostra prorogata fino al 3 giugno

Claude Monet al Complesso del Vittoriano supera le aspettative degli organizzatori. Si va avanti fino al 3 giugno

Ha aperto i battenti il 19 ottobre ma i quasi 4 mesi di esposizione previsti non sembrano poter saziare la fame che il maestro impressionista ha generato nel pubblico.

Claude Monet (1840-1926), Nymphéas, 1916-1919. Huile sur toile, 130x152 cm
Claude Monet (1840-1926), Nymphéas, 1916-1919. Huile sur toile, 130×152 cm

Claude Monet al Vittoriano prosegue dunque fino al 3 giugno. Parliamo di 60 opere che lo stesso artista ha conservato fino alla fine nella sua dimora di Giverny e che oggi rappresentano uno straordinario prestito del Musée Marmottan Monet di Parigi.

La mostra “Monet”, curata da Marianne Mathieu, vice direttore del Marmottan, conduce il visitatore attraverso l’intero percorso artistico del maestro impressionista. Si comincia dai primi lavori, le celebri caricature della fine degli anni 50 dell’800 con cui guadagnò i primi soldi e divenne quasi un personaggio nella sua città natale, Le Havre, passando per i paesaggi rurali e urbani di Londra, Parigi, Vétheuil, Pourville, e delle sue tante dimore, inclusa una parentesi in Liguria testimoniata in mostra dal dipinto del castello di Dolceacqua.

Claude Monet (1840-1926), Vétheuil dans le brouillard, 1879. Huile sur toile, 60x71 cm
Claude Monet (1840-1926), Vétheuil dans le brouillard, 1879. Huile sur toile, 60×71 cm

Troviamo anche i ritratti dei figli e le celeberrime tele dedicate ai fiori del suo giardino – Monet diceva che senza fiori non avrebbe mai dipinto e che se non avesse dipinto avrebbe fatto il giardiniere -, la modernissima resa dei salici piangenti, del viale delle rose o del ponticello giapponese, e poi alle monumentali Ninfee, che deflagrano nel pulviscolo violetto e nella nebbia radiosa.

www.ilvittoriano.com
www.arthemisia.it

Orario apertura
dal lunedì al giovedì 9.30 – 19.30
Venerdì e sabato 9.30 – 22.00
Domenica 9.30 – 20.30
(la biglietteria chiude un’ora prima)

Biglietti
Intero € 15,00 (audioguida inclusa)
Ridotto € 13,00 (audioguida inclusa)

Informazioni e prenotazioni gruppi
T. + 39 06 8715111

About Valdemaro Brakus

Valdemaro Brakus
Direttore di Canale ARTE si occupa di giornalismo e scrittura dai tempi del liceo. Appassionato di video e fotografia realizza reportage sull'universo arte e su qualunque altra cosa gli piaccia. Fa anche l'attore quindi non è dato sapere se è uno, nessuno o centomila.

C'è anche questo...

“The Clock” di Christian Marclay alla Tate Modern

Fino al 20 gennaio 2019, alla Tate Modern di Londra, la video installazione “The Clock” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi