martedì , 16 Luglio 2024
Live!

La statuaria del XX secolo alla GAM di Torino

Sarà visibile sino a settembre alla GAM di Torino Viaggio al termine della statuaria, un’ampia ricognizione sulla scultura italiana tra il 1940 e il 1980.

Nino Franchina, Lo stregone, 1962, ferro,
GAM, Torino

In mostra oltre 50 opere realizzate da 40 artisti attivi nell’arco di quarant’anni, contrassegnati da formidabili cambiamenti e da forti scosse stilistiche sia dal punto di vista dei soggetti sia delle tecniche, e che assegnarono un nuovo ruolo alla scultura.

Le opere appartengono alla ricca collezione della GAM, che, oltre che dalle opere di scultura acquisite nel tempo dal museo, ha potuto contare negli anni sul determinante ruolo della Fondazione Guido ed Ettore De Fornaris e della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT che hanno contribuito, con importanti acquisizioni, ad accrescere la raccolta.

Il percorso in mostra prende avvio dal confronto sorprendente tra le figure femminili del Ritratto di Eva di Edoardo Rubino, scultore dei Savoia e Senatore del Regno, e l’implosivo espressionismo de La pazza di Sandro Cherchi, per poi proseguire rievocando le tante declinazioni della scultura informale italiana. Questa prima parte attesta come, intorno al 1945 e negli anni a seguire, salvo poche eccezioni, la scultura cominci ad affrontare una serie di svolte di grande portata: tenta di uscire da una dimensione o da un pensiero di impostazione monumentale, o ornamentale, o di ritrattistica sia celebrativa sia privata, per avvicinarsi a nuovi soggetti e tecniche sperimentali. Per illustrare il nuovo corso della scultura di questo periodo, oltre a Cherchi e Giuseppe Tarantino trovano spazio le terrecotte di Leoncillo, i bronzi dinamici di Umberto Mastroianni e di Pietro Consagra, i ferri di Franco Garelli, di Nino Franchina, gli assemblaggi di Ettore Colla. Al contempo, campeggiano in mostra il drammatico gruppo ligneo de Miracolo (Olocausto) di Marino Marini e il grande Concetto spaziale in metallo di Lucio Fontana, cui fanno da contraltare le Donnine in ceramica di Fausto Melotti.

Gli anni sessanta sono rappresentati tra gli altri da lavori di Giuseppe UnciniNicola CarrinoPietro GallinaMario Ceroli, con opere che sperimentano materiali eterogenei.

Viaggio al termine della statuaria_Installation view_ph. Giorgio Perottino

Con il suo tappeto natura La Zuccaiadel 1966, Piero Gilardi – da poco scomparso e a cui la GAM vuole rendere un affettuoso omaggio – approda a una inedita scultura morbida, in poliuretano espanso colorato, con cui affronta il tema natura/artificio e allo stesso tempo denuncia la mercificazione dell’ambiente. Con ovvie ragioni il binomio arte/natura è più che affrontato dai protagonisti dell’Arte Povera: da Lavorare sugli alberi, Alpi Marittime diGiuseppe PenoneSenza titolo di Giovanni Anselmo, fino ai processi chimico-fisici proposti da Gilberto Zorio.

Il percorso si conclude con le ultime esperienze degli anni settanta – inizio anni ottanta.Michelangelo Pistoletto lasciava la stagione degli Oggetti in meno a favore di opere specchianti, assorbendo lo spazio circostante come in Raggiera di specchi del 1973 – 1976 e Nanda Vigo, con l’intento di indagare un nuovo esito percettivo, proponeva nel 1976 Exoteric Gate, in vetro ferro e neon: una riconnotazione dello spazio, alterato da un’installazione geometrica e luminosa.

Mirko Basaldella, Leone urlante, 1956, bronzo

La riappropriazione della scultura, dopo la stagione concettuale e poverista (ma facendone tesoro) sarà riattivata con la terracotta da Giuseppe Spagnulo e Nanni Valentini, con il gesso da Paolo Icaro, secondo diversi paradigmi, per giungere al trionfo monumentale della ricerca plastica de La Campana di Luigi Mainolfi.

Direttore Riccardo Passoni, curatore dell’esposizione, afferma: “ In questo quarantennio di ‘osservazione’ l’atto plastico è passato attraverso il modellare, lo scolpire, l’assemblare, il forgiare, l’architettare; ha affrontato la tradizione e la cancellazione della stessa; ha reimpostato la questione del colore. La scultura si è, di fatto, posta obiettivi nuovi, etici ed estetici, e ha sperimentato forme in divenire. Si è cioè liberata dai vincoli del soggetto, da una iconografia consolidata. Si è posta di fronte a considerazioni innovative nel rapporto opera/spazio. Ha quindi prima escluso e poi riaffrontato la monumentalità (intesa in senso anti-monumentale): ha affrontato tutti i cambi di scala possibili, senza complessi celebrativi. Ha ritrovato, dopo le Avanguardie storiche, le tecniche dell’assemblage e le soluzioni oggettuali. Ha sperimentato nuove condizioni di rapporto con la natura. Ha ritrovato, infine, nuove regioni d’essere, riuscendo a liberarsi formidabilmente dal celebre verdetto pubblicato dal grande Arturo Martini, in La scultura lingua morta del 1945 che faceva il punto amaro sui vincoli della rappresentazione concessi a questa tecnica, e i limiti della sua capacità di sperimentazione, riferendosi in particolare alla statua, imprigionata come “immobile nei secoli, lingua aulica e sacerdotale, simbolica scrittura incapace di svolgersi nei moti quotidiani”. Verdetto che lanciava però un monito altrettanto forte, predittivo: “né più si confonda con la vita apparente in una statua, la vera vita della scultura”.

Viaggio al termine della statuaria_Installation view_ph. Giorgio Perottino

Mi fa piacere che la GAM inauguri una mostra dedicata alle sculture italiane realizzate in anni cruciali del Novecento, presenti nelle sue raccolte. Ha commentato Piergiorgio RePresidente della Fondazione Guido ed Ettore de Fornaris. La scultura è un ambito a cui la Fondazione De Fornaris ha da sempre prestato particolare attenzione, incrementando anche in questo settore le collezioni del museo. Lo dimostrano da una parte il cospicuo numero di opere acquisite ed esposte nell’occasione, dall’altra la presenza dei capolavori di Tony Cragg e Giuseppe Penone da noi prodotti in anni successivi, collocati di fronte allo Stadio Olimpico e alla Civica Galleria come dono alla città.

Gilberto Zorio, Stella di bronzo con acidi e pergamena, 1978, Fondazione per l’Arte
Moderna e Contemporanea CRT, Torino

Gli artisti esposti: Giovanni Anselmo (Borgo Franco d’Ivrea (Torino), 1934); Mirko Basaldella (Udine, 1910 – Cambridge (Massachusetts, USA), 1969); Alighiero Boetti (Torino, 1940 – Roma, 1994); Eugenio Carmi (Genova, 1920 – Lugano (Svizzera), 2016); Nicola Carrino (Taranto, 1932 – Roma, 2018); Mario Ceroli (Castel Frentano (Chieti), 1938); Sandro Cherchi (Genova 1911 – Torino 1998); Ettore Colla (Parma, 1896 – Roma, 1968); Pietro Consagra (Mazara del Vallo (Trapani), 1920 – Milano, 2005); Riccardo Cordero (Alba (Cuneo), 1942); Dadamaino (Edoarda Emilia Maino) (Milano, 1930 – 2004); Agenore Fabbri (Quarrata (Pistoia), 1911 – Savona, 1998); Piero Fogliati (Canelli (Asti), 1930 –Torino 2016); Lucio Fontana (Rosario di Santa Fe (Argentina),1899 – Comabbio (Varese), 1968); Nino Franchina  (Palmanova (Udine), 1912 – Roma, 1987); Pietro Gallina (Torino, 1937); Franco Garelli (Torino, 1909 – 1973); Piero Gilardi (Torino, 1942 – 2023); Paolo Icaro (Paolo Chissotti) (Torino, 1936); Leoncillo (Leonardi Leoncillo) (Spoleto, 1915 – Roma, 1968); Carlo Lorenzetti (Roma, 1934); Luigi Mainolfi (Rotondi (Avellino), 1948); Marino Marini (Pistoia, 1901 – Viareggio (Lucca), 1980); Marcello Mascherini (Udine, 1906 – Padova, 1983); Umberto Mastroianni (Fontana Liri (Frosinone), 1910 – Marino (Roma), 1998); Eliseo Mattiacci (Cagli (Pesaro e Urbino), 1940 – Fossombrone (Pesaro e Urbino), 2019); Fausto Melotti (Rovereto (Trento), 1901- Milano, 1986); Mario Negri (Tirano (Sondrio), 1916 – Milano, 1987); Claudio Parmiggiani (Luzzara (Reggio Emilia), 1943); Giuseppe Penone (Garessio (Cuneo), 1947); Gianni Piacentino (Coazze (TO), 1941); Vettor Pisani (Bari, 1934 – Roma, 2011); Michelangelo Pistoletto (Biella, 1933); Edoardo Rubino (Torino, 1871 –1954); Giuseppe Spagnulo (Grottaglie (Taranto), 1936 – 2016); Giuseppe Tarantino (Palermo, 1916 – Rivalba (Torino), 1999); Giuseppe Uncini (Fabriano, 1929 – Trevi, 2008); Nanni Valentini (Sant’Angelo in Vado (Pesaro e Urbino), 1932 – Vimercate (Milano), 1985); Nanda Vigo (Milano, 1936 –2020); Gilberto Zorio (Andorno Micca (BI), 1944

PER INFO

Viaggio al termine della statuaria

Galleria Civica Arte Moderan Torino

About Paola Stroppiana

Paola Stroppiana (Torino, 1974) è storica dell’arte, curatrice d’arte indipendente e organizzatrice di eventi. Si è laureata con lode in Storia dell’Arte Medioevale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino, città dove ha gestito per più di dieci anni una galleria d'arte contemporanea. Collabora con diverse testate per cui scrive di arte e cultura. Si interessa a nuovi percorsi d’indagine come il gioiello d’artista e le ultime tendenze del collezionismo contemporaneo, argomenti sui quali ha tenuto conferenze presso l’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, Il Museo Civico di Arte Antica e la Pinacoteca Agnelli di Torino, il Politecnico di Milano.

C'è anche questo...

La grande retrospettiva su Felice Carena alle Gallerie d’Italia a Milano

Intesa San Paolo dedica sino al 29 settembre una grande retrospettiva a Felice Carena, tra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *