venerdì , 19 Luglio 2024
Home / News / Art Site inaugura la sua IX edizione

Art Site inaugura la sua IX edizione

“Everything hangs together”: questo il titolo scelto per la nona edizione di Artsite, la rassegna dedicata ai linguaggi della contemporaneità in dialogo con i luoghi della storia e dell’impresa.

Per il 2023, Art Site Fest, ideato e diretto da Domenico Maria Papa,  si propone come uno spazio dedicato alla riflessione sul tema dell’ambiente, del cambiamento climatico, sul senso stesso del fare arte in un mondo che chiede nuove e più efficaci chiavi di interpretazione. Arne Næss, fondatore del pensiero ecologico profondo, avverte che ogni nostra azione ha effetto su tutto. Ed è proprio attraverso il suo messaggio, Everything hangs together, che Art Site Fest rivolge un invito ad artisti, scrittori, performer, studiosi per una riflessione sulla sostenibilità dell’atto creativo, sul valore della pratica artistica, sulla permanenza e la durata dell’opera, sul ruolo dell’autore nei processi di cambiamento e di riconciliazione, sociale e ambientale. “Se come dice Arne Næss, Everything hangs together, allora anche le arti, la scrittura, la parola, sono determinanti nel costruire un futuro più sostenibile, sano, equo. Anzi, proprio la creatività espressa dalle giovani generazioni, può aiutarci a immaginare un mondo possibile. “Una più attenta consapevolezza è urgente e necessaria. – dichiara Domenico Papa, – ed è importante partire da un più profondo dibattito culturale.” Un fitto calendario di performance, incontri e mostre, in diverse sedi tra Torino, Govone e Alessandria dal 19 Settembre al 18 dicembre 2023, proporrà un affascinante percorso multidisciplinare: installazioni d’arte site specific, incontri, reading, performance, trovano collocazione in dimore storiche, musei, musei, spazi verdi, chiese.

Elizabeth Aro , Labyrinth, 2023, Reale Mutua, Torino © Photo di Donatello Lorenzo per Art SIte Fest 2023

Il Museo Storico Reale Mutua, oltre ad ospitare la conferenza stampa di presentazione del Festival, accoglie l’installazione site specific di Elizabeth Aro, Labyrinth, con un testo a cura di Paola Stroppiana, introdotta dalla lettura di Figure infinite, racconto della scrittrice argentina Mariana Travacio, a cura di Eleni Molos.

“Sosteniamo con grande piacere questa nona edizione della manifestazione di Art Site Fest, supportando così la cultura, importante motore di crescita per il Paese. – commenta Virginia Antonini, Direttore Sostenibilità e Comunicazione Istituzionale di Reale Group – L’opera esposta nel cortile di Palazzo Biandrate è inserita nella suggestiva rassegna culturale del nostro Museo Storico, realizzata grazie alle partnership e ai legami instaurati nel corso degli anni con molteplici realtà del territorio.”

Al Museo della Frutta “Francesco Garnier Valletti”, un intervento di Marco Cordero dal titolo “Sei stata tu?” un progetto a cura di Lorena Tadorni, accompagna il visitatore alla scoperta di una collezione storica straordinaria, attraverso il linguaggio contemporaneo del suo lavoro, così come la terrazza del Museo Nazionale della Montagna ospita una riflessione sul Po e sull’esaurimento delle risorse naturali di Cosimo Veneziano dal titolo “L’acqua del 2000”, a cura di Lorena Tadorni. A Govone, nel parco del Castello, l’artista iraniana Bahar Heydarzade propone una riflessione sul rapporto tra natura e cultura, rimandando alla lettura della “Lingua degli uccelli”, classico della letteratura Sufi

Eleni Molos_performance in occasione dell’inaugurazione dell’installazione di Elizabeth Aro © Photo di Donatello Lorenzo per Art SIte Fest 2023

Nella Chiesa dello Spirito Santo, sempre a Govone, Giulia Nelli presenta un’installazione site specific “Riverberi di luce. All’ombra del silenzio”, una riflessione sul senso della permanenza e della fragilità dell’opera. Un intervento site specific e una project-room dal titolo Graal, è quello di Alice Zanin presso le Sale d’arte dei Musei Civici di Alessandria, che lega il tema della natura alla ricerca di un oggetto mistico e irraggiungibile.

All’Archivio di Stato di Torino, Art Site Fest omaggia la figura di Guido Ceronetti, presentando in una mostra allestita per le sale juvarriane, materiali tratti o pensati per i suoi spettacoli. “Consolare l’universo” vuole essere un invito a riscoprire la figura dello scrittore torinese, a partire dalla sua riflessione, non di rado pessimista, sulla natura e sul rapporto dell’uomo con l’universo. L’Area Archeologica di Nuvola Lavazza, anche quest’anno ospita Art Site Fest con un progetto di Stefano Cagol che propone la sua ricerca avviata già da anni in collaborazione con il Muse di Trento sul tema dell’Antropecene. Agli eventi espositivi si lega un ciclo di incontri, in collaborazione con Aboca Edizioni, sui temi della natura, delle piante, dell’alimentazione. Agli incontri, ospitati presso il Museo Lavazza, partecipano: Mauro Garofalo, Stefano Cagol, Massimo Bernardi, Franco Faggiani, Stefano Allievi, Paolo Vineis, Marco Aime, Telmo Pievani.

Il programma degli eventi, tra scrittura, reading e teatro, si completa con incontri e letture, tenute da Eleni Molos, Toni Mazzara, Elena Serra, presso il Museo della Frutta “Francesco Garnier Valletti”, il Museo Nazionale della Montagna, le Sale d’Arte del Musei Civici di Alessandria, Cubo Teatro, il Teatro Juvarra, per il ciclo “Fare storie, Fare mondi”, quest’anno alla seconda edizione.

Marco Cordero, particolare dell’installazione “Si stata tu?”, Museo della Frutta “Francesco Garnier Vallet, © Photo di Donatello Lorenzo per Art SIte Fest 2023

Tutti i contenuti di Art Site Fest, con interviste agli artisti, gli incontri, i reading, saranno accessibili attraverso un podcast realizzato da Teca Studio, oltre che sulle piattaforme social del Festival. Art Site Fest è realizzato dall’Associazione Phanes con il patrocinio del Comune di Torino, del Comune di Alessandria, del Comune di Govone; il sostegno di Fondazione CRT, Fondazione CR Alessandria, Reale Mutua, Teca Edizioni; in collaborazione con: Archivio di Stato di Torino, Museo della Frutta “Francesco Garnier Valletti”, Museo Nazionale della Montagna, Teatro Stabile di Torino, Museo Lavazza, Museo Storico Reale Mutua, Aboca Edizioni, Marzotto Interiors, Redaelli, Sperandri, Web Audio, Cr Design; con le associazioni Associazione Govone Residenza Reale, Associazione Aquilegia per Guido Ceronetti, Associazione Storie di Piazza aps, Associazione Fili di Rame.

PER INFO

ARTSITEFEST

About Paola Stroppiana

Paola Stroppiana (Torino, 1974) è storica dell’arte, curatrice d’arte indipendente e organizzatrice di eventi. Si è laureata con lode in Storia dell’Arte Medioevale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino, città dove ha gestito per più di dieci anni una galleria d'arte contemporanea. Collabora con diverse testate per cui scrive di arte e cultura. Si interessa a nuovi percorsi d’indagine come il gioiello d’artista e le ultime tendenze del collezionismo contemporaneo, argomenti sui quali ha tenuto conferenze presso l’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, Il Museo Civico di Arte Antica e la Pinacoteca Agnelli di Torino, il Politecnico di Milano.

C'è anche questo...

La grande retrospettiva su Felice Carena alle Gallerie d’Italia a Milano

Intesa San Paolo dedica sino al 29 settembre una grande retrospettiva a Felice Carena, tra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi