https://www.youtube.com/watch?v=OprR0FNKMAc&list=PLxKkqxG-Dw_xc3VcbYyVHATXFRAtGDgWB
lunedì , 10 dicembre 2018
  • Marzio Tamer - Il Conciliatore, 2008, Tempera all’uovo su tavola, 160 x 140 cm

  • Marzio Tamer - Cacatua e Macao, 2002, Tempera all’uovo su tavola, 180 x 24 cm

  • Marzio Tamer - Dama e Fawn, 2017, Acquerello a dry brush, 91 x 74 cm

  • Marzio Tamer - Grande Cervo, 2017, Acquerello a dry brush, 120 x 160 cm

  • Marzio Tamer - Grande Rhino, 2017, Acquerello a dry brush, 120 x 160 cm

  • Marzio Tamer - Posatoio, 1996, Acrilico su tavola 105,5 x 130

  • Marzio Tamer - Culbianco, 1998, Tempera all’uovo su tavola, 51,5 x 80 cm

  • Marzio Tamer - Rio Stagno, 2010, Acquerello a dry brush, 95,4 x 135,3 cm

  • Marzio Tamer - Il Faggeto, 1995, Acrilico su tavola, 50 x 70 cm

  • Marzio Tamer - Serra, 2008, Tempera all’uovo su tavola, 63 x 200 cm

  • Marzio Tamer - Gelso, 2009, Acquerello a dry brush, 78,3 x 110,3 cm

Home / Video / Interviste / MARZIO TAMER. Pittore per natura

MARZIO TAMER. Pittore per natura

Marzio Tamer, fino al 7 gennaio 2018 al Museo di storia naturale di Milano

Milanese, schivo, perfezionista, studioso delle tecniche antiche di pittura, innamorato degli animali sin da bambino, con un’attenzione fotografica nella composizione e nello studio della luce nei suoi paesaggi, Marzio Tamer piega la natura al suo pennello e non è soddisfatto fino a quando non ha superato la sfida che si è imposto, rendendo il suo quadro più reale del vero.

“Il cuore del mio lavoro è il processo creativo. Appena finisco un lavoro sono già proiettato a quello che farò domani. Non ho nessun legame affettivo con le mie opere. Voglio rappresentare quell’animale, quell’ambiente, quell’albero e una volta vinta la sfida sono soddisfatto. Passo al livello successivo, più ambizioso, ogni nuovo soggetto è più complesso del precedente.” Marzio Tamer

“Un artista che si muove nel silenzio, nel rispetto della natura e della tecnica pittorica”, Lorenza Salamon, gallerista e curatrice della mostra, così definisce Marzio Tamer. “Le sue opere sono destinate a rimanere nella storia, sia perché hanno un linguaggio fuori dal tempo, sia perché ogni materiale con cui sono state realizzate è fatto con la cura di un oggetto che deve durare nel tempo.”

Lorenza Salamon, gallerista e curatrice della mostra; Marzio Tamer – Piccolo Orso, 2016, Tempera all’uovo su pergamena, 22.5 x 30 cm

“Pittore per natura”. Il titolo è volutamente un gioco di parole sul soggetto della sua pittura e sulla vocazione innata alla pittura, che è con lui sin da bambino. La mostra di Marzio Tamer supera per successo, da 700 a 800 spettatori al giorno, qualsiasi altra mai presentata al Museo di Storia Naturale di Milano. Titanica la sua organizzazione, fortemente voluta dalla curatrice Lorenza Salamon. Esposte 42 opere d’arte arrivate a Milano da prestiti di 32 collezionisti diversi, che si sono separati dalle loro opere per permettere anche al pubblico di ogni livello e generazione di goderne.

Si perché questa mostra è adatta ad un pubblico di esperti, artisti, critici d’arte per l’esecuzione magistrale e attenta al recupero di tecniche antiche di preparazione dei colori; ma anche ad un pubblico più ampio, di grandi e piccini, che ammira l’espressione fiera e vera dei suoi animali, sospesi tra la realtà e la tela del quadro, o la poesia dei paesaggi.

In attesa che vengano aperte le nuove sale di Palazzo Dugnani, ad ospitare stabilmente l’arte con soggetto la natura, fino al 7 Gennaio potremo goderci la mostra di Marzio Tamer. Il cui successo si può ben dire, è un’ulteriore conferma che collezionisti e pubblico stanno tornando al figurativo.

Marzio Tamer – Tete de Lion, 2017, Acquerello a dry brush, 131 x 101 cm

La pittura di Marzio Tamer è fatta di grande calma, meticolosità, studio. “Nella fase iniziale della sua attività distruggeva le tele che non gli piacevano, annacquandole sotto la doccia” , racconta Lorenza Salamon, che segue l’artista da 25 anni.

Il suo processo creativo è molto lungo e complesso. Nasce dall’osservazione sul campo o in studio e a volte dura più della stessa realizzazione del quadro, che già gli richiede molto tempo.
“Il mio primo amore sono gli animali, sin da quando era piccolino all’asilo. Andavo nei parchi faunistici per vederli e passavo le giornate intere a studiarli, fare fotografie e schizzi di ogni genere. Ancora oggi studio i testi scientifici, vado su internet a vedere le dimensioni o studiare le proporzioni. Dietro ad ogni mia opera c’è un grosso lavoro.” Marzio Tamer

Le tecniche utilizzate da Tamer sono principalmente acquerello e tempera all’uovo su carta o su tavola. “L’acquerello asciutto è la tecnica che in questo momento sento più mia. Inizio stendendo grandi campiture o colature di colore, se voglio ottenere effetti particolari. Scendo poi nei dettagli più realistici, velatura dopo velatura, fino a mettere in evidenza quello che mi interessa. Tutti i bianchi sono resi con la carta. Mi affascina anche la preparazione della tempera all’uovo e la sua resistenza nel tempo”. Marzio Tamer

Marzio Tamer – Fawn, 2017, Acquerello a dry brush, 91 x 74 cm

Tamer utilizza l’acquerello con la stessa tecnica a velature usata per la pittura ad olio. Lavora con pennelli anche molto piccoli per rendere i dettagli del pelo degli animali o l’intensità di uno sguardo. La sua ricerca, quindi, si estende anche alle carte per acquerello, che devono essere performanti sia per qualità, satinate e non più di 300 grammi, sia per dimensioni. Ha utilizzato carte Arches, Canson, ma soprattutto Fabriano, l’unico marchio che è arrivato a produrre rotoli di carta da 1 metro e 30 per 7/8 metri di lunghezza. E ancora l’artista è alla ricerca di formati più grandi per superare se stesso.

Marzio Tamer – Hathi, Acquerello a dry brush, 130 x 190 cm

L’opera più grande di tutte, l’elefante Hathi, non nasce da una commissione ma da un suo desiderio. Voleva fortemente realizzare quest’opera anche se sapeva che avrebbe impiegato un anno. Un collezionista, molto affezionato, ha sposato il suo progetto ad occhi chiusi, finanziandolo a prescindere dall’eventuale valutazione economica di mercato o da ragioni speculative. Del resto la maggioranza delle opere in mostra arriva da collezionisti che sono legati ad esse da storie personali. Una nuova maternità o un desiderio di essa che si realizza (Piccolo Orso). La necessità di prendersi il proprio tempo o motivi estetici, e così animali e paesaggi vanno a decorare le seconde case dove possono essere ammirati con calma. A decidere il soggetto quasi sempre è l’artista.

Marzio Tamer – Un’estate lontana, 2017, Acquerello a dry brush, 103 x 141 cm

“Nei miei paesaggi c’è una forte rappresentazione realistica di ciò che ho visto, ma sono molto ben costruiti. Io aggiungo e tolgo elementi fino ad arrivare ad un effetto quasi calligrafico. Puliti visivamente, hanno pochi elementi. Lavoro molto in post produzione, diciamo così, e cerco di trovare un equilibrio e di portare l’immagine nella direzione che ho in mente. Cercando di rappresentare un concetto, ad esempio il senso di precarietà, o l’idea di un istante, il tramonto in montagna un momento prima che l’ombra copra tutto. Come negli animali, in cui ho voluto isolare un particolare, così qui stacco un elemento dal paesaggio pur lasciando dietro di lui una scenografia. E’ un effetto quasi metafisico quello che ottengo”. Marzio Tamer

Video – YouTube tutorial sulla tempera all’uovo, courtesy Salamon&C. Fine Art | Milan.

Giovanni Franzoi, regista di ricette di cucina, ha realizzato il video in mostra in cui Marzio Tamer svela ad appassionati ed artisti la tecnica della tempera all’uovo. Vi riproponiamo qui il video, fruibile piacevolmente sia dai curiosi sia da chi volesse imparare questa tecnica antica con la certezza di riuscire, grazie alla ricetta descritta nei minimi dettagli.

fino al 7 gennaio 2018
Museo di Storia Naturale di Milano
da Martedì a domenica ore 9-17:30
www.comune.milano.it/museostorianaturale

Salamon&C. Fine Art | Milan
www.salamongallery.com

 

About Diana Cicognini

Diana Cicognini
Diana. Dea cacciatrice! Il mio territorio è Milano, la mia preda l'Arte ... che racconto, scrivo, disegno (dipingo) e metto in mostra. La mia Canon mi accompagna sempre per testimoniare la bellezza e là dove il mio obiettivo fotografico non arriva...un grazie dichiarato ad artisti, gallerie ed uffici stampa che mi concedono "uno scatto" per le mie parole.

C'è anche questo...

“Space Shifters” alla Hayward Gallery di Londra

La mostra “Space Shifters” alla Hayward Gallery, visitabile fino al 6 gennaio 2019, propone le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi