https://www.youtube.com/watch?v=wEOjcT0YQVk&list=PLxKkqxG-Dw_ySG530Ld6MYw83CUa_Ltzd
lunedì , 23 ottobre 2017
Live!
Home / Video / Reportage / Mostre / Giovanni Boldini alla Reggia di Venaria Reale

Giovanni Boldini alla Reggia di Venaria Reale

Giovanni Boldini porta la rivoluzione della Belle Époque alla Reggia di Venaria Reale. Dal 29 luglio 2017 al 28 gennaio 2018

Giovanni Boldini

Il fascino femminile, gli abiti sontuosi e fruscianti, i salotti, la Belle Époque: è il travolgente universo di Giovanni Boldini, genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria. Letteratura e moda, musica e lusso, arte e bistrot si confondono nel ritmo sensuale del can can e producono una straordinaria rinascita sociale e civile.

Sono 115 le opere in mostra alla Reggia di Venaria Reale nella grande antologica aperta al pubblico del 29 luglio 2017 al 28 gennaio 2018.

Una mostra dedicata a Giovanni Boldini, sviluppata su un registro narrativo tematico e cronologico al tempo stesso. La ricca selezione monografica delle opere, di colui che nelle sue opere ha reso ed esaltato la bellezza femminile, svelando l’anima più intima e misteriosa delle nobili dame dell’epoca, si articola seguendo gli anni di attività dell’artista, ma è organizzata in quattro sezioni tematiche fondamentali per capire la parabola espressiva del maestro.

La ricerca dell’attimo fuggente è, nelle opere di Boldini, cristallizzata nei colori – a olio, pastello o rapidi tratti di matita – e permane nei secoli rinnovando come una madeleine proustiana il miracolo di riportarci indietro nei giorni incantati della Belle Époque. Giovanni Boldini non è stato solo uno dei protagonisti di quel periodo ineguagliabile o solo il geniale anticipatore della modernità novecentesca ma colui che nelle sue opere ha reso ed esaltato la bellezza femminile, svelando l’anima più intima e misteriosa delle nobili dame dell’epoca, per lui “fragili icone”. Boldini non si limitava a ritrarre l’immagine. Disegnava l’idea che l’alta borghesia aveva di se stessa.

Un pulviscolo perfetto, disperso nell’universo della storia, eppure reso immortale: forse per questo Gertrude Stein disse che Boldini sarebbe stato il miglior pittore dell’Ottocento. Negli spazi della Reggia di Venaria Reale, accanto a capolavori assoluti di Giovanni Boldini e noti al pubblico come gli ormai iconici ritratti di Emiliana Concha de Ossa, Gabrielle de Rasty, le ambientazioni cittadine e i nudi: in ognuno di essi c’è la sua immensa energia e inconfondibile potenza espressiva.

L’esposizione ricostruisce passo dopo passo il geniale percorso artistico del grande maestro italo-francese attraverso 4 sezioni: Il soggiorno a Firenze. Poetiche e verismo della luce macchiaiola; I primi anni di Parigi. L’amore per Berthe, il gallerista Goupil e la contessa de Rasty; Uno stile destinato al successo. Il pittore della vita contemporanea e Il fascino Belle Époque. Sensualità e magia del ritratto femminile.

La mostra è curata da Tiziano Panconi e Sergio Gaddi.

Giovanni Boldini è alla Reggia di Venaria Reale dal 29 luglio 2017 al 28 gennaio 2018.

Clicca qui per le informazioni e il sito della mostra

About Valdemaro Brakus

Valdemaro Brakus
Direttore di Canale ARTE si occupa di giornalismo e scrittura dai tempi del liceo. Appassionato di video e fotografia realizza reportage sull'universo arte e su qualunque altra cosa gli piaccia. Fa anche l'attore quindi non è dato sapere se è uno, nessuno o centomila.

C'è anche questo...

Toulouse Lautrec

Il mondo fuggevole di Toulouse Lautrec a Milano

Toulouse Lautrec a Milano dal 17 ottobre 2017 al 18 febbraio 2018 in una grande …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi