https://www.youtube.com/watch?v=3Np_sjGAunc&list=PLxKkqxG-Dw_woB9GcvLPcTNtpb-abl3XM
giovedì , 23 novembre 2017
Live!
Home / Video / Reportage / Mostre / Totò Genio in mostra a Roma

Totò Genio in mostra a Roma

Dopo il grande successo di pubblico e di critica di Napoli, la mostra Totò Genio arriva a Roma, ospitata nel Museo di Roma in Trastevere dal 20 ottobre 2017 al 18 febbraio 2018.

Manifesto della mostra Totò Genio al Museo di Roma in Trastevere.

Realizzata a cinquant’anni dalla sua scomparsa la mostra Totò Genio ripercorre la grandezza di Antonio de Curtis, in arte Totò, uno dei maggiori interpreti italiani del Novecento. Fu un artista a tutto tondo, una figura poliedrica, non solo attore di cinema e teatro, ma poeta e autore di canzoni indimenticabili. Il principe de Curtis era molto affezionato ai suoi scritti, che probabilmente considerava lo specchio più autentico della sua anima malinconica e notturna. Non c’è nessuna discrepanza – diceva – tra la mia professione (che adoro) e il fatto che io componga canzoni e butti giù qualche verso pieno di malinconia. Sono napoletano e i napoletani sono bravissimi nel passare dal riso al pianto.

Antonio De Curtis, in arte Totò

Attraverso documenti personali, cimeli, lettere, disegni, costumi, fotografie, installazioni e testimonianze, Totò Genio propone un viaggio indietro nel tempo, nell’universo di Totò. La mostra racconta la vita, le passioni e gli amori del maestro.
Si possono ammirare i disegni realizzati da Pier Paolo Pasolini per La Terra vista dalla luna, episodio del film Le streghe interpretato da Totò, i disegni di Federico Fellini, che in lui vedeva un artista senza tempo, fino ad arrivare a quelli realizzati negli anni ’50 da Ettore Scola per la rivista
satirica Marc’Aurelio. E ancora sono esposti i disegni realizzati da fumettisti celebri come Crepax, Pratt, Manara, Onorato e Pazienza, una serie di fotografie che ritraggono Totò insieme ai grandi personaggi del Novecento e una poesia scritta da Paolo Conte e dedicata al grande interprete napoletano.

Pier Paolo Pasolini e Totò.

Un’ampia sezione della mostra è dedicata al suo rapporto con il cinema, che lo ha visto protagonista di ben 97 film, e ripercorre la sua lunga carriera attraverso i manifesti e le foto-buste che lo hanno reso celebre al grande pubblico.
Il suo rapporto con il teatro è invece raccontato e rivisitato attraverso i costumi di scena, filmati d’epoca e installazioni multimediali. Un aspetto meno noto di Totò è il suo rapporto con la pubblicità che lo ha visto testimonial di alcuni prodotti italiani di quegli anni, come la Lambretta e la Perugina, che lo scelse come volto per pubblicizzare il suo famoso Bacio.

Foto-busta Totò in Miseria e nobiltà cm 50×70

La mostra racconta anche il suo legame fortissimo con Napoli, la sua città d’origine, e il suo grande amore per gli animali, in particolare per i cani, passione che condivideva con la sua compagna Franca Faldini. Attraverso foto private, documenti originali e giornali d’epoca viene descritto un Totò più privato, un uomo generoso che amava prendersi cura degli animali e delle creature più indifese.

Non mancano infine le sue poesie, come la celebre ‘A livella e le sue canzoni, come Malafemmena, composta da Totò nel 1951 e poi declinata in centinaia di versioni. Chiude la mostra la sezione Nessuno mi ricorderà, dedicata ai suoi funerali, che furono tre, il primo a Roma, il secondo a Napoli e il terzo nel Rione Sanità a Napoli, in cui era nato. Attraverso fotografie, filmati storici provenienti dall’Archivio Luce e dalla Rai, giornali e ricordi, viene raccontato il meraviglioso addio che Napoli ha rivolto al suo più grande artista.

Totò e la compagna Franca Faldini.

La Sindaca di Roma Virginia Raggi afferma: “Antonio de Curtis, per tutti Totò, è stato una mente brillante e un genio amato da tutte le generazioni. Le sue espressioni, i suoi sguardi, le movenze che ci hanno fatto ridere sono ricordi indimenticabili e inimitabili. Un patrimonio della vita di ognuno di noi. Ancora oggi, momenti di pura leggerezza in compagnia di un attore che abbiamo imparato a sentire così vicino, tanto da considerarlo parte della famiglia.” Continua: “Totò, grazie al suo istinto comico rivoluzionario, è stato l’ispiratore di tanta nostra serenità e buon umore. Un artista straordinario che ci ha lasciato anche bellissime poesie e canzoni, pensieri e sentimenti delicati, riuscendo a condividere con il suo pubblico le pieghe più intime del suo animo con signorile sobrietà. E il suo essere riservato e gentile ce lo ha fatto amare ancora di più.”

Voluta dall’Associazione Antonio de Curtis in arte Totò e dal Comune di Napoli, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e con la coproduzione dell’Istituto Luce Cinecittà, in collaborazione con Rai Teche e SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, l’esposizione è organizzata da Alessandro Nicosia, che l’ha curata con Vincenzo Mollica, e prodotta da C.O.R. Creare Organizzare Realizzare. Servizi museali di Zètema Progetto Cultura.

Totò, il principe che amava i cani.

INFORMAZIONI:

Titolo mostra: Totò Genio
Luogo: Museo di Roma in Trastevere, Piazza S. Egidio 1/b Roma
Apertura al pubblico 20 ottobre 2017 – 18 febbraio 2018

Orario Da martedì a domenica ore 10.00 – 20.00
La biglietteria chiude un’ora prima
24 e 31 dicembre 10.00-14.00
Giorni di chiusura: lunedì, 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre

Biglietti Ingresso Museo e Mostra non residenti:
€ 9,50 intero; € 8,50 ridotto
Ingresso Museo e Mostra residenti:
€ 8,50 intero; € 7,50 ridotto.
Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente

Info Mostra 060608 (tutti i giorni ore 9:00 – 19:00),
www.museodiromaintrastevere.it; www.museiincomune.it;
Servizi museali Zètema Progetto Cultura
Catalogo Skira editore
SPONSOR MOSTRA Lottoitalia
SPONSOR SISTEMA MUSEI CIVICI
Con il contributo tecnico di Ferrovie dello Stato Italiane
Media Partner Il Messaggero

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

3412 Kafka di Carola Bonfili colpisce smART

3412 Kafka, mostra personale di Carola Bonfili a cura di Ilaria Gianni, fino al 23 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi