https://www.youtube.com/watch?list=PLxKkqxG-Dw_xV0ZWUXYEfbh7q3cGZIUNd&v=PzBcGrTXasw
sabato , 26 maggio 2018
Home / Video / Reportage / Mostre / La vita di Gianni Termorshuizen per immagini
Gianni a cavallo

La vita di Gianni Termorshuizen per immagini

La mostra online della storia per immagini della vita di Gianni Termorshuizen (1912-1996). Le mostre online sono una selezione di opere visive contenute negli archivi del museo del louvre. Le opere sono in vendita.

Gianni

Giuseppe Casetti afferma: “anni fa in un mercatino dell’usato di Roma trovai 21 album che contenevano dei negativi fotografici in bianco e nero e a colori, ognuno dei negativi aveva un numero ascendente da 1 a 8429 che datavano dal 1941 al marzo 1996. Dal diario fotografico sono stati selezionati 736 negativi. Insieme ai negativi c’era una rubrica composta di 70 pagine che così recitava (nella rubrica accanto al numero del negativo c’è la data in cui è stata scattata la fotografia e una didascalia che racconta i vari momenti della vita di Gianni):

“Rubrica delle mie fotografie.

Il numero progressivo che appare nella prima colonna corrisponde a quello delle fotografie applicate negli album e a quello delle relative negative raccolte negli appositi contenitori. Laddove manca tale numero significa che la fotografia è stata scattata da altre persone oppure, pur scattata da me, la relativa negativa è stata consegnata a richiesta dell’interessato.

Gianni”. 

Gianni a cavallo

Gianni Termorshuizen è nato il 19 settembre 1912 ( del segno zodiacale della Vergine). Da alcune foto scattate dal padre intorno agli anni venti conosciamo Gianni all’età di circa 8 anni correre su un prato che insegue un aquilone. Poi quindicenne copilota su un aereo da turismo. Diciottenne, ha accanto un modellino di mulino costruito con il “Meccano” (il Meccano è un gioco che permette la costruzione di modellini funzionanti e di apparecchi meccanici). La foto mostra la sua passione per il modellismo che non abbandonerà mai.

Conosciamo attraverso le fotografie il papà, la mamma e i parenti di Gianni in vari momenti della vita familiare, in campagna, al mare, riuniti intorno ad una tavola.  Poi lo troviamo sotto la Naia ufficiale del 3° granatieri di Sardegna. Nell’aprile del 1943 ad Atene sul terrazzo del comando della divisione Forlì. Nell’agosto del 1943 le ultime sue foto del soggiorno in Grecia. Interessanti le foto dell’Acropoli con la bandiera italiana, tedesca e quella greca.

Atene 7 marzo 1943 Sul terrazzo dell’albergo Mondial
Gianni con i genitori e loro amici

Si sposa a Roma il 12 ottobre 1946 con Marcella. Con Marcella in viaggio di nozze a Napoli, Capri e sulla costa amalfitana. Annota sul suo diario fotografico nel settembre 1949 la prima fotografia a Marcella “con la nuova macchina fotografica Yconta”. Nel settembre 1949, le fotografie della casa con il giardino di via Tagliamento n. 34. Gianni è appassionato di ippica. Da una sua partecipazione alla visita giubilare del personale del Credito Italiano del 6 gennaio 1951 si deduce che è un funzionario dell’Istituto.

In vacanza nel luglio 1951 a Portofino fotografa i duchi di Windsor. Ama giocare a Bridge. Ha una passione fin da adolescente per gli aeroplani. Suggestive le fotografie di Roma dall’alto scattate l’11 maggio 1952 alla “Giornata dell’Ala”. Ma la vera passione per la fotografia lo spinge a fotografare dagli anni quaranta fino ad oltre metà degli anni novanta tutti i vari momenti significativi della sua vita che conosciamo attraverso circa 9000 immagini ognuna numerata con il riferimento del giorno, il mese, l’anno e la descrizione del luogo e del momento.

Roma agosto 1952 “Davanti allo specchio con Marcella “

Sono significative le foto dei manifesti della propaganda elettorale delle amministrative circa duecentocinquanta scatti del 12 maggio 1952. Una immagine della festa della bandiera del 1° Reggimento Granatieri dell’8 giugno 1952 rievoca gli anni della sua gioventù dove era stato militare con quella divisa. Partecipa a vari concorsi fotografici e nell’agosto del 1954 inventa e costruisce assemblando vari pezzi di origine diversa, una meccanismo per realizzare una sequenza di scatti di soggetti che si muovono molto lentamente.

Il 6 Luglio 1955 Gianni acquista una Fiat 600 e il 23 maggio 1956 “il televisore”. Nel Settembre 1968, pubblica delle fotografie sperimentali sulla rivista “Ferrania” a colori. Il 3 agosto 1968 scatta una serie di fotografie “macro”. Nel Novembre 1970, una sua affannosa ricerca di soggetti per la 1° Mostra fotografica fra il personale del Credito Italiano, tema del concorso “Vecchia Roma”.

Roma maggio 1981 Rosa Grisbi
Roma febbraio 1978 Cavalletta in “macro”.

Nel Novembre 1973, i suoi studi sui particolari con la serie di fotografie “macro” di ragni, coccinelle, scorpioni, mosche, farfalle, formiche. Suggestive sono le fotografie delle costellazioni dell’agosto 1971. Le prime fotografie eseguite con la Fujica sono degiugno 1973. Partecipa al Concorso fotografico a tema “Il raccolto in campagna”. Nell’ottobre 1973, partecipa al Roma-Festival fotografico indetto dal giornale “Il Tempo”. A maggio del 1974, riceve il 1°Premio e la medaglia d’oro al “Concorso di Diapositive”. Nel gennaio 1974 fotografa “Porta Pinciana “impacchettata” da Christo. L’ installazione, esposta per quaranta giorni, faceva parte della mostra ‘Contemporanea’ per gli Incontri Internazionali d’Arte, a cura di Achille Bonito Oliva.

Nel dicembre del 1977, al concorso “Pantheon a 110°” vince il Premio speciale Agfa-Levante e nell’ottobre 1975, al 2° Salone “Uso Tempo“ nel Palazzo dei Congressi viene esposto il dirigibile “Italia” costruito da Gianni. Nel marzo del 1978 costruisce il modello del dirigibile “Norge” che viene esposto al Museo Storico dell’Aeronautica Militare di Vigna di Valle (Roma).

Il 27 giugno 1981, “edificante spettacolo al Pincio e a villa Borghese”. Le foto di Gianni delle statue imbrattate con scritte e decapitate al Pincio e a Villa Borghese vengono pubblicate sul settimanale “ il Tempo ” del 27 luglio 1981. Nel giugno 1986 costruisce il modellino dell’Amerigo Vespucci per il Presidente Cossiga, collezionista di navi in miniatura. Il 19 settembre 1992 festeggiamenti per il suo ottantesimo compleanno.

Roma novembre 1977 I “Grandi” del Pincio in technicolor
Roma giugno 1981 Edificante spettacolo al Pincio e a Villa Borghese

CONTATTI

info@ilmuseodellouvre.com

Via della Reginella, 8a – Roma
06 68 80 7725

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

LAIV Action

A Milano torna il festival LAIV action e punta sull’arte con le opere di Nicolàs Schiraldi

Al via LAIV action 2018: fino al 29 maggio performance artistiche e laboratori. LAIV action …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi