mercoledì , 14 novembre 2018
Home / Video / Reportage / Mostre / La fotografia sperimentale di Luigi Di Sarro

La fotografia sperimentale di Luigi Di Sarro

Il Centro Luigi Di Sarro partecipa alle Passeggiate Fotografiche Romane promosse dal MIBACT con la mostra “La fotografia sperimentale di Luigi Di Sarro”.

Domenica 17 dicembre dalle 10 alle 13 visita guidata (ogni ora) a cura di Carlotta Sylos Calò, autrice del libro “Arte e fotografia tra gli anni Sessanta e Settanta. Il laboratorio fotografico di Luigi Di Sarro”, presentazione di Claudio Zambianchi, Gangemi, Roma 2010, pubblicato con il patrocinio e il sostegno dell’Istituto Nazionale per la Grafica.

15,16 e 17 Dicembre Roma celebra la Fotografia.

Dell’opera fotografica di Di Sarro, artista poliedrico, hanno parlato ed hanno scritto numerosi studiosi tra cui Quentin Bajac, Paola Ballesi, Carlo Bertelli, M.Francesca Bonetti, Giorgio Bonomi, Giuseppe Cannilla, Angelo Capasso, Stefano Chiodi, Enrico Crispolti, Maurizio G. De Bonis, Federica Di Castro, G. Daniele Fragapane, Allen Frame, Flaminio Gualdoni, Angela Madesani, Lorenzo Mango, Marina Miraglia, Silvia Pegoraro, Angela Rorro, Stella Santacaterina, Carmelo Strano, Claudio Zambianchi, Italo Zannier.

Opere fotografiche di Luigi Di Sarro.

Quentin Bajac, in più occasioni, parlando o scrivendo della “grande decostruzione del mezzo fotografico attuata negli anni sessanta” sottolinea che “il contesto italiano è stato in Europa l’attore principale, con i lavori di Michelangelo Pistoletto, Giulio Paolini, Mimmo Jodice, Ugo Mulas, Luigi Di Sarro, o Paolo Gioli. In nessuna altra scena artistica europea era stata condotta – con la stessa costanza, e nello stesso periodo – un’azione simile di indagine del mezzo fotografico.”

Luigi Di Sarro
Luigi Di Sarro (Lamezia Terme, 1941 – Roma 1979), medico e artista, accanito sperimentatore, nel corso degli anni Sessanta e Settanta ha praticato il disegno, la pittura, l’incisione, la scultura, la fotografia e la performance interessandosi in particolare a temi legati al corpo, al movimento, alla luce e alla capacità astrattiva del segno e delle figure geometriche.

La mostra – che consta di circa 30 fotografie tra bianco/nero e colore, di alcuni disegni e materiali dell’Archivio storico e di due sculture che aiutano a comprendere i collegamenti all’interno della vasta opera del fotografo – rimarrà aperta fino al 30 gennaio 2018 (dal martedì al sabato ore 16-19), ed aprirà ufficialmente il circuito nazionale e internazionale di promozione dell’opera di Luigi Di Sarro nel Quarantennale della scomparsa dell’artista.

Centro di Documentazione della Ricerca Artistica Contemporanea Luigi Di Sarro

Via Paolo Emilio 28 – 00192 Roma – tel. +39 06 3243513
www.centroluigidisarro.itinfo@centroluigidisarro.it

About Beatrice Pagliani

Beatrice Pagliani
Curiosa e dinamica, appassionata d'arte e fotografia, amante del cinema e dei viaggi.

C'è anche questo...

Roma, Fondazione Bruno Zevi | “Biagio Rossetti secondo Bruno Zevi”

Biagio Rossetti secondo Bruno Zevi, a cura di Francesco Ceccarelli, Matteo Cassani Simonetti, Adachiara Zevi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi