https://www.youtube.com/watch?list=PLxKkqxG-Dw_xV0ZWUXYEfbh7q3cGZIUNd&v=PzBcGrTXasw
sabato , 26 maggio 2018
  • BAZAAR sofa, Superstudio, 1968 - Nero Design Gallery - MIART 2018

  • MORBIDO BRUTALE, Duccio Maria Gambi, 2018 - Il Design morbido e radicale di Duccio Maria Gambi - Courtesy of the Artist

  • ZUPERFICI VASES, Series 2, Duccio Maria Gambi, 2018 - Courtesy of the Artist

  • STILOPRATICI, Marcello Pirovano, 2018 - Courtesy of the Artist

Home / Video / Reportage / Mostre / Il Design morbido e radicale di Duccio Maria Gambi

Il Design morbido e radicale di Duccio Maria Gambi

Duccio Maria Gambi ha vinto l’anno scorso il premio speciale CEDIT nella sezione Object di miart, nell’edizione 2018 ha presentato i suoi lavori insieme ad un altro giovane designer Marcello Pirovano. Oggi è in mostra alla Galleria Giovanni Bonelli di Milano insieme al suo maestro Gianni Pettena, fino al 19 Maggio.

Una chiusura del cerchio perfetta per il progetto di design di Nero Design Gallery di Arezzo, iniziato a miart 2018.

“Siamo partiti dall’idea di esporre il Bazaar sofa per omaggiare Superstudio, perché è stato creato nel 1968. 50 anni dalla nascita di questo oggetto. Ci piaceva fare riferimento a quello che era il movimento radicale. Duccio Maria Gambi ha avuto come maestro proprio Gianni Pettena, docente di architettura all’università di Firenze nonché uno degli esponenti del movimento radicale. E’ stato questo legame e una circostanza specifica, l’anniversario, che ci ha portato a fare questa scelta. Gambi lo ha sempre citato come punto di partenza nei suoi lavori. Insieme a Giovanni Ponelli della Galleria che rappresenta Gianni Pettena abbiamo creato questa mostra. È stata una circostanza casuale che ci ha portato a creare una bi-personale, inaugurata in occasione del salone del mobile. Da questo a portare gli artisti a parlare del movimento radicale è stato tutt’uno”. Michele Seppia, Nero Design Gallery.

Duccio Maria Gambi – Courtesy of the artist

In mostra diversi pezzi inediti di Duccio Maria Gambi in cemento e pietra tra cui, per la prima volta, un suo approccio ad un materiale nuovo. L’artista presenta una poltrona, un imbottito, realizzato in marmo. Duccio Maria Gambi arriva dal disegno industriale, è attratto dall’architettura, si dedica alla ricerca dei materiali. Sarà per questo che il materiale che lo rende riconoscibile e unico tra gli italiani è il cemento. Ogni suo pezzo è unico o appartiene ad una serie numerati e sta ora crescendo nel design di interni e di elementi di arredo.
Gioca sulle forme e sui contrasti tra i materiali, ma soprattutto gioca con la funzione dei materiali che stravolge completamente. Marmo e pietra, così, vengono utilizzati per creare puff e poltrone.

Un giovane designer quindi a fianco del suo maestro Gianni Pettena, tra i fondatori, alla fine degli anni ’60 a Firenze, del movimento “architettura radicale” insieme a Superstudio, Archizoom, UFO.
Pettena presenta in questa mostra milanese alcuni pezzi storici della sua produzione: la serie “Vestirsi di sedie / Wearable Chairs” (1971); una performance messa in atto in Usa nel 1971-72, con il sostegno dell’Università del Minnesota e la video performance ri-proposta con gli studenti della NABA di Milano nel 2011; l’opera “Poltronamaca”, proposta per la prima volta nel 1985 e il “Tappeto Sprofondo” nella versione originale del 1989.

Marcello Pirovano – Nero Design Gallery – MIART 2018

Nel contesto di miart 2018, invece, Duccio Maria Gambi, che qui portava la serie Morbido Brutale, esponeva con Marcello Pirovano e i suoi stilopratici. Elementi d’arredo aggregati, costituiti da una serie di moduli contenitori a base decagonale, destinati a diventare piccole sedute o piani d’appoggio ad altezza variabile oppure elementi d’arredo impilati uno sull’altro in modo da formare una colonna. L’ispirazione parte da ciò che ci rimane di civiltà lontane nel tempo e che la nostra tenta di salvare. I reperti archeologici di epoca ellenistica, dove i resti sono stati ricomposti su una matrice nera che ricostruisce le parti mancanti della colonna originaria. Anche per Pirovano siamo di fronte a pezzi unici e alla ricerca sui materiali, in questo caso molto tecnologici come il Purenit®, un prodotto a base di poliuretano e utilizzato nell’industria delle costruzioni.

 

 

GIANNI PETTENA – DUCCIO MARIA GAMBI

fino al 19 Maggio 2018

Galleria Giovanni Bonelli

Ingresso gratuito

www.galleriagiovannibonelli.it

www.nerodesigngallery.com

www.ducciomariagambi.com

www.giannipettena.it

www.marcellopirovano.com

 

About Diana Cicognini

Diana Cicognini
Diana. Dea cacciatrice! Il mio territorio è Milano, la mia preda l'Arte ... che racconto, scrivo, disegno (dipingo) e metto in mostra. La mia Canon mi accompagna sempre per testimoniare la bellezza e là dove il mio obiettivo fotografico non arriva...un grazie dichiarato ad artisti, gallerie ed uffici stampa che mi concedono "uno scatto" per le mie parole.

C'è anche questo...

LAIV Action

A Milano torna il festival LAIV action e punta sull’arte con le opere di Nicolàs Schiraldi

Al via LAIV action 2018: fino al 29 maggio performance artistiche e laboratori. LAIV action …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi