https://youtu.be/Zu0Xpv4wnhM
lunedì , 11 dicembre 2017
Live!
Home / News / Leggere l'Arte / Gillo Dorfles. Itinerario Estetico

Gillo Dorfles. Itinerario Estetico

Gillo Dorfles, photo by Piero Raffaelli, courtesy Editrice Compositori
Gillo Dorfles, photo by Piero Raffaelli, courtesy Editrice Compositori

Gillo Dorfles (a cura di Luca Cesari), Itinerario estetico. Simbolo mito metafora, Editrice Compositori, 2011

Un’antologia à rebours per la filosofia dell’arte di Gillo Dorfles

L’Estetica è viaggio interdisciplinare all’interno delle scienze umane. Canale Arte presenta una raccolta di saggi di Gillo Dorfles attraverso storia, cultura e arte del Novecento

Un Itinerario Estetico di Gillo Dorfles era già stato pubblicato, per la prima volta, nel 1989. Si trattava di una serie di articoli filosofici e di ampio respiro umanistico pubblicati su riviste di settore: Aut Aut, Rivista di Estetica, Archivio di Filosofia. La presente raccolta conserva il titolo della pubblicazione di allora, ma comprende, oltre agli articoli originali, materiali tratti dal volume Estetica del Mito e una serie di collaborazioni con altri periodici di estetica e arte. Il testo è curato da Luca Cesari, editore interessato ai rapporti tra letteratura e filosofia, tra pensiero artistico e teoria della critica. Nelle intenzioni del curatore, la raccolta si pone come privilegiata testimonianza del pensiero di Gillo Dorfles. Del suo approccio teorico il volume propone, infatti, una “lettura a ritroso” per percorrere i temi iniziali e le idee primordiali di un pensiero interdisciplinare. La volontà di accostare questi testi in una nuova pubblicazione scandisce le tappe del “divenire” di una speculazione trasversale, che proprio delle istanze di cambiamento e trasformazione si era nutrita durante il passare degli anni.
L’estetica è avvicinata come filosofia dell’arte da sviluppare non solo all’interno del proprio campo d’azione tradizionale, ma nell’orizzonte complesso di tutte le scienze umane: semiotica, critica letteraria, psicanalisi e antropologia. In questo senso, l’approccio di Gillo Dorfles alla fruizione dell’opera d’arte si accosta alle categorie di sentimento e emozione. Affinché possano differenziarsi da un discorso scientifico e razionale, la lettura e l’analisi dell’opera non devono confrontarsi soltanto con gli aspetti cognitivi e concettuali. Saranno prese in considerazione tutte le risposte emozionali, irrazionali e psicologiche fondamentali per la percezione estetica.
Nella ricerca delle ragioni primordiali di simboli e miti, si analizza la possibilità di un’ermeneutica dell’arte non figurativa medievale e moderna, stabilendo dei contatti sovrastorici tra forme d’arte che esulano dalla rappresentatività naturalistica. In questa prospettiva, sono valutate le testimonianze e le intenzioni poetiche di artisti contemporanei. Jean Dubuffet realizza, nella propria produzione pittorica, una sorta di mimesi con la nascita e la comparsa della vita. Nella consapevolezza che l’opera d’arte contemporanea, a differenza delle esperienze antiche e medievali, sia sempre proiezione di materiale inconscio, Franz Kline assume una poetica del dono e vede la più alta realizzazione artistica nel dispendio e non più nella condivisione di conoscenza. Allo stesso modo, Emilio Vedova pone l’accento sulla validità del libero linguaggio astratto come unica soluzione alle necessità espressive del contemporaneo. Alan Davie, pittore e musicista scozzese, insistendo sul ruolo profetico di un artista veggente, si avvicina alla concezione di Jackson Pollock: il quadro ha una propria esistenza, irriducibile ad ogni data interpretazione storicistica. Alcuni segni, che riappaiono in questi artisti dopo essere già comparsi in epoche lontane, sono considerati da Gillo Dorfles come Gestalten, strutture legate alla fisiologia stessa dell’esistenza umana.
La riflessione su simbolismo e mitologia si intreccia alla dialettica tra natura e artificio. L’attività estetica, nel movimento creativo gioco – mito – rito, si lega indissolubilmente all’esperienza ludica. Teatro e arte figurativa, a partire dalla metà del Novecento, esprimono un ritorno alla percezione vitale a discapito della produzione artificiale di opere. In questo senso, l’autore cita la body art di Joan Jonas che, partendo dalla scultura, approda a forme di espressione performativa e di video art, e di Trisha Brown che, attraverso una riflessione interdisciplinare su danza, spettacolo e arte figurativa, giunge a una inedita modalità di ridefinizione dello spazio. Il bisogno di ritornare alla naturalità e alla valorizzazione del proprio corpo è analizzata attraverso le performance del cosiddetto Azionismo Viennese di Hermann Nitsch e Rudolf Schwarzkogler o attraverso le esperienze più recenti delle deformazioni fisiognomiche di Orlan.
Itinerario Estetico è una pubblicazione dai contenuti indispensabili per chi voglia avvicinarsi alle teorie artistiche dell’ultimo secolo. Arricchito da un’esaustiva intervista rilasciata nel 2001 da Dorfles all’allievo Aldo Colonetti, il volume offre spunti interessanti agli appassionati di arte e letteratura e, in generale, ai cultori della semiotica e della psicanalisi. Attraversando sapientemente i diversi aspetti delle scienze umane occidentali, l’autore delinea un tracciato attraverso il divenire di simboli e metafore, e individua, nell’accezione di Rudolf Arnheim, delle forme originarie, pre-storiche.
I miti sono riletti da Gillo Dorfles alla luce della loro multivocità, all’interno della quale giocano un ruolo primario sia il logos, la parola – intesa, comunque, nel proprio valore di ineffabilità –, sia rumori, oggetti, note musicali, immagini. Proprio come nei Merzbilder di Kurt Schwitters: precisi strumenti espressivi che, a somiglianza del mito, impastano nel racconto principale elementi desunti da ognuno dei cinque sensi.

Gillo Dorfles (a cura di Luca Cesari)
Itinerario estetico. Simbolo mito metafora
Collana Estetica senza monopoli. Pensatori del secondo Novecento ed estetiche comparate
Editrice Compositori, 2011
http://www.editricecompositori.it/

About Ivan Fassio

Ivan Fassio

Poeta, scrittore, curatore d’arte contemporanea.

C'è anche questo...

BorGate: Primavalle, Tiburtino III, San Basilio e Gordiani

Ultimo appuntamento di “BORGATE”, a dicembre, alla Casa della Memoria e della Storia, lo spazio istituzionale di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi