sabato , 23 settembre 2017
Live!
Home / News / Leggere l'Arte / Ezio Gribaudo e Giorgio de Chirico – Skira

Ezio Gribaudo e Giorgio de Chirico – Skira

Ezio Gribaudo e Giorgio de Chirico, courtesy Paola Gribaudo
Ezio Gribaudo e Giorgio de Chirico, courtesy Paola Gribaudo

Memorie Ritrovate: racconto per immagini del sodalizio tra Ezio Gribaudo e Giorgio de Chirico

Uno dei libri sicuramente più originali ed affascinanti curati da Ezio Gribaudo è stato realizzato nel 1968 per le Edizioni d’Arte Fratelli Pozzo di Torino. Si tratta di 194 Disegni di Giorgio de Chirico: selezione attenta che raccoglie l’esatto numero degli schizzi dell’artista in un excursus che parte dal 1918 e arriva fino al 1967. Nella singolare forza delle opere su carta, l’ideale della rappresentazione trascende ogni soluzione materiale e si affida al segno puro. Il gusto per lo schizzo non è mai fine a se stesso in de Chirico: il disegno presuppone tutta la gamma delle future scelte cromatiche e rappresenta la vitalità originaria delle opere metafisiche. L’introduzione al volume era stata curata da Luigi Carluccio, che poneva l’accento proprio sulle alchimie verbali, sull’impianto narrativo dell’intera produzione artistica di de Chirico. Proprio nel disegno, secondo il critico torinese, si rivelerebbe l’intima natura del pittore e lo slancio sorgivo delle intenzioni.
Nell’occasione di questa esperienza editoriale, Ezio Gribaudo decideva di acquisire per la propria collezione personale sessanta disegni dell’artista nell’intento di costituire una scelta simbolica all’interno del percorso tematico e cronologico dell’artista, attraverso la quale potessero affiorare le sue differenti risorse inventive. Volontà di classificazione archeologica e antologica che ha caratterizzato l’operato di Ezio Gribaudo in tutte le sue possibili declinazioni: artista, collezionista, editore, ideatore e organizzatore di eventi seminali per la storia dell’arte del Novecento. In questa sorta di florilegio figurativo, compaiono alcuni veri e propri capolavori di de Chirico, tra i quali Visione (1923), Olga (1927), Vita Silente (1928), Mobili nella Valle (1936), Autoritratto (1957).
Queste immagini, accanto ad un esauriente e appassionato testo di accompagnamento di Stefano Cecchetto, sono presenti in “Memorie Ritrovate”, pubblicato da SKIRA in occasione della mostra di Ezio Gribaudo e Giorgio de Chirico presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, che a fine maggio farà tappa alla Biblioteca Nazionale di Torino.
Il libro si sviluppa come un racconto per immagini con l’intera serie degli “Omaggi a de Chirico” realizzati da Ezio Gribaudo nel biennio 1968-69: oli e acrilici e tecniche miste su tela che riflettono il potere di una sinergia. La silenziosa e sospesa magia delle sintesi metafisiche del Maestro incontra le invenzioni cartacee, magmatiche o volutamente naïf dell’allora quarantenne Gribaudo, premiato per l’opera grafica nel 1966 alla Biennale di Venezia.
Presentata il 10 marzo presso la Biblioteca Nazionale di Roma in presenza del curatore Stefano Cecchetto e della storica dell’arte Lorenza Trucchi, la mostra continuerà fino al 10 aprile. Da segnalare l’intervento di Lorenza Trucchi, che del volume ha curato una sentita e scanzonata introduzione, in cui ripercorre la sua carriera parallelamente a quella di Ezio Gribaudo, con divertiti accenni a Francis Bacon e Cesare Zavattini, rivelando il proprio sodalizio e il profondo legame della sua formazione di critica con la pratica estetica del Maestro.

Il Libro:
Stefano Cecchetto
Ezio Gribaudo e Giorgio de Chirico. Memorie Ritrovate
Skira
Arte contemporanea
bilingue (italiano-inglese)
2015
ISBN: 885722638
euro 22

La Mostra:
11 marzo – 5 maggio 2015
Orario di apertura:
lunedì-venerdì 10.00-19.00
sabato 10.00-13.00
ingresso gratuito
Biblioteca Nazionale Centrale di Roma
Viale Castro Pretorio 105
Info tel +39 06 49 89 352/344
http://www.eziogribaudo.com/
http://www.skira.net/
http://www.bncrm.librari.beniculturali.it/

About Ivan Fassio

C'è anche questo...

Litografia a colori dal libro-spartito Le Sphinx, poema musicale di Georges Fragerolle con ombre e illustrazioni di Amédée Vignola, Enoch-Flammarion, Paris, 1896

Le Chat Noir. In mostra a Roma le lanterne magiche e i Teatri d’ombre della Parigi di fine ‘800

Ultimi giorni per lo storico Le Chat Noir a Villa Torlonia, con le sue immagini …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi