https://www.youtube.com/watch?v=dNAHnJSqBFQ&list=PLxKkqxG-Dw_x6qE6qJHZCXh8n0A5DfT5W
mercoledì , 17 ottobre 2018
Home / Video / Aste / Desing. Il meglio in asta a Torino

Desing. Il meglio in asta a Torino

La 145^ asta SantAgostino dedicata al design avrà luogo il 19 e il 20 marzo 2018 alle ore 16 in corso Alessandro Tassoni 56 a Torino.

La casa d’aste SantAgostino di Torino riapre la stagione 2018 con la 145^ asta dedicata al design.
Il 19 e 20 marzo verranno esitati oltre cinquecento lotti fra mobili e arredi che hanno fatto la storia del design italiano e internazionale.
Attuale ancora oggi, il design anni ’50 non conosce crisi: cresce infatti l’interesse da parte dei collezionisti per aggiudicarsi all’asta oggetti rari e preziosi, icone di un periodo storico caratterizzato dalla voglia di “trasformazione” e riscatto.
Lampadari, vetri, mobili, poltrone e divani occuperanno le sale della storica sede della casa d’aste torinese.
Verrà celebrata la creatività del design italiano con oggetti di Ico Parisi tra i quali spicca la poltrona mod. 856 prodotta da Cassina nel 1958 e il divano modello 1947.39AGio Ponti con un’importante console impiallacciata in piuma di noceFranco Albini, Luigi Veronesi, Ettore Sottsass, Aldo Tura, Gaetano Pesce; saranno visibili oggetti prodotti da storiche aziende del Made in Italy come StilnovoFontana Arte con il lampadario modello 2127 in ottone nichelato spazzolato, dischi in cristallo sagomato molato e grande gemma centrale in cristallo del 1955, Arredoluce, Venini, Seguso, Cristal Art, Cassina, I.S.A e molte altre.
 
Tra i top lot della 145^ asta verrà esitata la libreria modulare LB7 di Franco Albini che rappresenta l’apice degli esperimenti “razionalisti” dell’architetto lombardo. Creata nel 1957 per Poggi, la libreria ha il vantaggio di poter essere posizionata ovunque, potendola ancorare tra pavimento e soffitto mediante montanti fissati a pressione. Inoltre, gli scaffali possono essere configurati secondo esigenze personali, sfruttando al massimo lo spazio offerto dalla struttura.
Importante la presenza della coppia di librerie componibili in alluminio, metallo verniciato e cromato del designer Ignazio Gardella che grazie alla struttura in montanti verticali perforati, permette di fissare le mensole in legno tramite bulloni reggipiano secondo il proprio gusto e le proprie esigenze.
Spicca tra le altre, la libreria da centro girevole di Claudio Salocchi in legno e struttura in metallo laccato prodotta da Sormani negli anni ’60.
Il divano mod. Fasce e la specchiera firmati Luigi Caccia Dominioni vogliono rendere omaggio, oltre che all’architetto, alla storica azienda produttrice Azucena che recentemente ha terminato definitivamente la propria produzione. Il divano, realizzato in metallo cromato e tessuti imbottiti celebra lo spirito degli arredi del catalogo Azucena che prediligeva l’accostamento di materiali diversi, l’uso di forme tradizionali e materiali molto costosi.
Tra i vetri emerge il “Sasso” di Fulvio Bianconi, marcato Venini Italia, in vetro massiccio trasparente con inclusione in pasta vitrea, ornata da una fascia di tre strati di vetro opaco e trasparente, parte superiore incisa da linee irregolari.
COME FUNZIONA UN’ASTA
Le aste al migliore offerente si svolgono esitando i lotti selezionati dagli esperti e dai consulenti della casa d’asta di ciascun dipartimento.
I lotti, in precedenza pubblicati sul catalogo cartaceo e sul catalogo online e messi a disposizione del pubblico per la visione nei giorni precedenti l’asta, vengono presentati in sede d’asta dal banditore. Ciascun oggetto presenta una base d’asta, ovvero un prezzo di vendita al di sotto del quale il lotto non può essere venduto, come da contratto con il proprietario del bene. Dal prezzo di base d’asta parte la “gara” per l’aggiudicazione al miglior offerente. Al prezzo di battuta finale si aggiungono i diritti d’asta.
Per partecipare all’asta occorre registrarsi presso la casa d’aste fornendo i propri dati anagrafici.
Si può partecipare all’asta sia in sala, sia al telefono e ancora tramite offerta scritta o dal web.

About Redazione

www.canalearte.tv

C'è anche questo...

Barbara Lalle e Marco Marassi a MACRO Testaccio

You are connected now…: installazione video-fotografica di Barbara Lalle con le foto di Marco Marassi e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Supporta Canale Arte!
Seguici sui nostri Social Network o attendi 10 secondi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni (privacy policy)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi